Casaltone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casaltone
frazione
Casaltone – Veduta
Strada della Croce nel centro del paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Parma-Stemma.svg Parma
ComuneSorbolo Mezzani
Coat of arms of Parma.svg Parma
Territorio
Coordinate44°49′16.7″N 10°26′18.5″E / 44.821306°N 10.438472°E44.821306; 10.438472 (Casaltone)Coordinate: 44°49′16.7″N 10°26′18.5″E / 44.821306°N 10.438472°E44.821306; 10.438472 (Casaltone)
Altitudine37 m s.l.m.
Abitanti349[3]
Altre informazioni
Cod. postale43058 e 43122
Prefisso0521
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casaltone
Casaltone

Casaltone è una frazione di 349 abitanti,[1][2] divisa in due comuni dalla strada della Croce: Sorbolo Mezzani a nord e Parma a sud.

La località dista 2,34 km da Sorbolo[2] e 8,57 km dal centro di Parma.[1]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La frazione sorge in posizione pianeggiante alla quota di 37 m s.l.m.,[2] nelle vicinanze della sponda sinistra del torrente Enza.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini della frazione sono antichissime: ritrovamenti di materiali dell'età del bronzo, attualmente conservati presso il Museo archeologico di Parma, testimoniano la presenza di insediamenti abitativi già in età protostorica. Casaltone è tuttavia menzionato per la prima volta in due documenti medievali: il primo, dell'anno 945, vi fa riferimento col nome di Casale Toloni , il secondo, una pergamena dell'anno 1005, col toponimo di Casale Ottoni[5].

Eccidio del 24 aprile 1945[modifica | modifica wikitesto]

La località di Casaltone è tristemente nota per essere stata teatro dell'eccidio del 24 aprile 1945 quando, per mano dei soldati tedeschi in ritirata, furono trucidati 21 civili. Le vittime furono: Guido Azzali (69 anni), Ubaldo Azzali (34 anni), Emilio Baroni (50 anni), Florio Benassi (23 anni), Renzo Confortini (16 anni), Luisa Dall'Asta (16 anni), Amedeo Fava (56 anni), Gianni Galvani (19 anni), Amilcare Gandolfi (53 anni), Costante Ghiretti (37 anni), Umberto Maestri (40 anni), Ercole Pesci (69 anni), Oreste Pesci (69 anni), Ennio Pesci (47 anni), Ermete Pesci (15 anni), Gustavo Pesci (56 anni), Nello Reggiani (31 anni), Giorgio Salvatori (4 mesi), Luigi Sepali (28 anni), Rino Setti (21 anni), Rosolino Zoni (29 anni).

Alla loro memoria è dedicato il cippo marmoreo al centro dell'abitato[6].

Terremoto del luglio 1971[modifica | modifica wikitesto]

La frazione fu l'epicentro del violento sisma, classificato dell'ottavo grado Mercalli, che colpì la bassa parmense la mattina del 15 luglio 1971, alle ore 3.30. Il terremoto lesionò numerosi edifici, radendo al suolo la pieve di Casaltone, dedicata alla Purificazione di Maria Vergine, in seguito ricostruita ex novo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa della Purificazione di Maria Vergine[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa della Purificazione di Maria Vergine

Essa è citata già nella pergamena del 1005. Ricostruita una prima volta nel 1716, è stata completamente distrutta dal terremoto del 1971; dall'evento si sono tuttavia salvati la pala d'altare di scuola parmense (XVII secolo) raffigurante la Purificazione e un'Annunciazione di scuola parmigiana.

Villa Ceci[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio è costituito da un corpo centrale a due piani con triplici arcate al piano terreno. Le ali laterali sono ad un solo piano, con una sequenza di aperture ad occhio di pavone. All'interno si trova uno stemma, identificabile con quello dei conti Garbarini, famiglia di origini genovesi, presente a Parma dal XVII secolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c La Frazione di Casaltone, su italia.indettaglio.it. URL consultato il 24 agosto 2019.
  2. ^ a b c d La Frazione di Casaltone, su italia.indettaglio.it. URL consultato il 24 agosto 2019.
  3. ^ [1][2]
  4. ^ Zuccagni-Orlandini, p. 569.
  5. ^ Comune di Sorbolo. Vivi la Città, Motti editore, 1994, p. 20
  6. ^ Eccidio di Casaltone

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E.Cocconi, M.Clivio, Parliamo un po' di Sorbolo, Circolo "Spazio Libero", Sorbolo, 1978
  • Attilio Zuccagni-Orlandini, Corografia fisica, storica e statistica dell'Italia e delle sue isole, Italia superiore o settentrionale Parte VI, Firenze, presso gli Editori, 1839.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Parma Portale Parma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Parma