Casa del Pingone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casa del Pingone
CasaPingone1.JPG
Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegionePiemonte
LocalitàTorino
IndirizzoVia della Basilica, angolo via Porta Palatina
Coordinate45°04′27.2″N 7°41′02.25″E / 45.074222°N 7.683958°E45.074222; 7.683958
Informazioni generali
Condizionicompletato
CostruzioneXV - XVI secolo
La torretta merlata vista dal retro, ormai completamente inglobata nella struttura e sormontata dal tetto.

La Casa del Pingone (in piemontese: Cà 'd Monsù Pingon) è un edificio storico di Torino.

Prende nome da Filiberto Pingone, storico di corte del duca Emanuele Filiberto di Savoia, nonché autore dell'opera Inclytorum Saxonae Sabaudiaeque principum arbor gentilizia.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio risale al XV secolo e fu l'abitazione di Emanuele Filiberto Pingone. Egli, originario di Chambéry, studiò Legge presso l'Università di Padova e prestò la sua carriera al servizio della corte sabauda, trasferendosi in questa casa. Divenuto ambasciatore a Nizza su volere del duca Emanuele Filiberto di Savoia, divenne uno dei maggiori genealogisti di corte. Rimaneggiata più volte tra Seicento e Settecento, la Casa del Pingone è stata ampliata inglobando una torre medievale preesistente.

Dopo secoli di degrado, è stata restaurata nel 2000. Dal 2016 ospita l'IQOS Embassy, luogo dedicato alla vendita e presentazione del dispositivo elettronico IQOS.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, sviluppato su quattro piani fuori terra, sorge a ridosso di piazza IV Marzo, a poca distanza dagli edifici medievali più noti della città[3] e di fronte al Duomo e alla Porta Palatina.

Dall'aspetto modesto, esso conserva l'unica torre medievale ancora visibile a Torino, anche se ormai completamente mimetizzata e sormontata dalla successiva copertura; di essa si può ancora distinguere la merlatura ghibellina inglobata nella struttura muraria. Tracce di finestre a crociera di epoca cinquecentesca sono ancora riscontrabili sul prospetto affacciato su via Porta Palatina.

L'ultimo piano è caratterizzato da un lungo loggiato scandito da archi a tutto sesto, mentre gli interni conservano ancora apprezzabili soffitti lignei fittamente decorati e pitture murali con grottesche. Il restauro del 2000 ha riproposto la colorazione originaria delle facciate, identificandola in un carminio acceso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Di cui si conserva copia presso l'Archivio di Stato di Torino.
  2. ^ Embassy - IQOS Italia[collegamento interrotto]
  3. ^ Ovvero la Casa del Senato e Casa Broglia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Barbara Bertini Casadio, Isabella Massabò Ricci (a cura di), I rami incisi dell'Archivio di Corte: sovrani, battaglie, architetture, topografie, catalogo della mostra, Archivio di Stato, Torino 1981
  • Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984 , p. 285
  • Andrea Merlotti, Disciplinamento e contrattazione. Dinastia, nobiltà e corte nel piemonte sabaudo da Carlo II alla Guerra civile, in Paola Bianchi e Luisa Clotilde Gentile (a cura di), L'affermarsi della corte sabauda. Dinastie, poteri, élites in Piemonte e Savoia fra tardo medioevo e prima età moderna, Torino 2006, pp. 227-284

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]