Carlo di Gontaut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo di Gontaut-Biron
Charles-gontaut-biron.jpg
Ritratto di Carlo di Gontaut.
1562 – 31 luglio 1602
Nato aSaint-Blancard
Morto aParigi
Cause della mortedecapitazione
Religionecattolica
Dati militari
Paese servitoRoyal Standard of the King of France.svg Regno di Francia
Anni di servizio? - 1602
Guerre
Guerre di religione francesi
Guerra franco-savoiarda
Battaglie
Battaglia d'Arques
Battaglia di Ivry
Battaglia di Fontaine-Française
Assedio di Amiens del 1597
Assedio di Bourg-en-Bresse
Altre caricheGovernatore di Borgogna
fonti nel testo
voci di militari presenti su Wikipedia

Carlo di Gontaut (Saint-Blancard, 1562Parigi, 31 luglio 1602) figlio di Armand de Gontaut-Biron, fu un soldato francese, nominato duca di Biron, famoso per l'amicizia che aveva con Enrico IV, che però tradì.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlo di Gontaut, duca di Biron, figlio di Armand de Gontaut, barone de Biron, combatté brillantemente per il partito reale contro la Lega Cattolica nelle ultime fasi delle guerre di religione in Francia. Fu nominato ammiraglio di Francia nel 1592 e maresciallo nel 1594 e successivamente maresciallo generale degli accampamenti e delle armate del re, governatore di Borgogna nel 1595. Conquistò Beaune, Autun, Auxonne e Digione, e si distinse nella battaglia di Fontaine-Française.

Nel 1596 fu inviato a combattere gli spagnoli nelle Fiandre, in Piccardia e in Artois. Dopo la pace di Vervins adempì ad una missione a Bruxelles nel 1598 e nello stesso anno divenne Pari di Francia. Da quel momento s'impegnò in intrighi con la Spagna e la Savoia, ma, nonostante ciò, diresse una spedizione contro lo stesso duca di Savoia (1600), durante la guerra franco-savoiarda.

Dopo lo svolgimento delle missioni diplomatiche di Enrico IV in Inghilterra e in Svizzera (1600), fu accusato di alto tradimento, imprigionato alla Bastiglia, condannato e infine decapitato il 31 luglio 1602.

Carlo di Gontaut-Biron in letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Carlo di Gontaut-Biron viene citato dal Manzoni nel Capitolo I de I promessi sposi, come vittima del Conte di Fuentes, governatore di Milano e autore di una delle tante "grida" contro i "bravi", poiché sarebbe stato il Fuentes la causa indiretta della condanna a morte del Biron, essendo stato lui a convincerlo a tradire il suo re Enrico IV.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Janine Garrisson, Enrico IV e la nascita della Francia moderna, Milano, Mursia, 1987.
  • Maria Luisa Mariotti Masi, Maria de' Medici, Milano, Mursia, 1994, ISBN 88-425-3520-6.
  • Éliane Viennot, Margherita di Valois. La vera storia della regina Margot, Milano, Mondadori, 1994, ISBN 88-04-37694-5.
Predecessore Ammiraglio di Francia Successore
Bernard de Nogaret
1592 - 1594 André de Brancas
Controllo di autoritàVIAF: (EN64062785 · ISNI: (EN0000 0000 6133 3790 · LCCN: (ENn83230014 · GND: (DE118675591 · BNF: (FRcb12253779r (data)