Carlo Padiglione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Padiglione (Palermo, 9 ottobre 1827Napoli, 2 giugno 1921) è stato un bibliotecario, storico e araldista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Svolse professione di bibliotecario, in particolare presso la storica biblioteca napoletana Brancacciana, poi confluita come fondo nella Biblioteca Nazionale di Napoli.

Si interessò anche, per via della professione, di biblioteconomia e di catalogazione, facendosi interprete di formalizzare, in un apposito manuale, fra i primi in Italia del genere[1], le regole principali della materia, a beneficio di quanti volessero sostenere i concorsi da bibliotecario[2].

Come storico si occupò, in particolar modo, di araldica e di genealogia, diventandone fra i massimi studiosi.

Per questa ragione apportò un prezioso contributo ai lavori della Consulta araldica, di cui fu socio corrispondente. Fu, altresì, componente della Commissione Araldica regionale Napoletana e presidente dell'Istituto araldico italiano. Collaborò con i principali periodici del settore, scrivendo saggi e articoli su casi e questioni araldico-genealogiche, su stemmari e blasoni, su fonti per la storia di famiglia, nonché su storie e caratteristiche di ordini cavallereschi e dinastici.

Infine fu ascritto al Real Monte e Arciconfraternita di San Giuseppe dell'Opera di Vestire i Nudi, istituzione benefica e gentilizia di Napoli, giungendo in due occasioni alla carica apicale di Sopraintendente nel 1904 e nel periodo 1912-1915[3].

Scritti principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Memorie storiche artistiche del Tempio di S. Maria delle Grazie Maggiore a Capo Napoli con cenni biografici di alcuni illustri che vi furono sepolti, Stab. Tip. Priggiobba, Napoli 1855;
  • Della vita e degli scritti del cav. Gennaro Serena, consigliere della provincia e della città di Napoli, Tip. De Angelis, Napoli 1864;
  • L'arme di Dante Alighieri, Tip. Nobile, Napoli 1865;
  • Il F.E.R.T. Di Casa Savoja. Memoria araldica scritta per le fauste nozze di Umberto con Margarita di Savoja, Tip. Del Giornale di Napoli, Napoli 1868;
  • Cenni storici dell'ordine di S. Maria di Betlemme, Tip. Giannini, Napoli 1869;
  • Dizionario bibliografico e istorico della Repubblica di S. Marino contenente tutte le indicazioni delle opere, delle effemeridi e degli opuscoli che trattano della stessa in qualsivoglia argomento, Tip. della Gazzetta di Napoli, Napoli 1872;
  • La Biblioteca del Museo nazionale nella Certosa di S. Martino in Napoli ed i suoi manoscritti, Tip. Giannini, Napoli 1876;
  • Tavole storico-genealogiche della Casa Candida già Filangieri, Tip. De Angelis, Napoli 1877;
  • I capitoli dell'Ordine equestre della Giarra dei Gigli della S. Vergine e della Stola, Tip. Giannini, Napoli 1877;
  • Le leggi dell'Accademia degli Oziosi in Napoli ritrovate nella Biblioteca Brancacciana, Tip. Giannini, Napoli 1878;
  • Di alcune nobili famiglie leccesi. Lettere e notizie estratte da un manoscritto della Biblioteca Brancacciana, Direzione del Giornale Araldico, Pisa 1879;
  • Della Casa Rocco e del diritto che ha di usare il titolo di Principe di Torrepadula, Tip. Giannini, Napoli 1880;
  • Delle livree, del modo di comporle e descrizione di quelle di famiglie nobili italiane. Ricerche storiche ed araldiche, Direzione del Giornale Araldico, Pisa 1888;
  • Le massime della Commissione Regionale Napoletana per gli elenchi nobiliari, Tip. Giannini, Napoli 1893;
  • Dell'Ordine della giarrettiera, Tip. Giannini, Napoli 1893;
  • Dell'ordine cavalleresco del Nodo di Napoli, Tip. Gambella, Napoli 1894;
  • Dizionario delle famiglie nobili italiane o straniere portanti predicati di ex feudi napoletani e descrizione dei loro blasoni, Tip. Giannini, Napoli 1901;
  • Motti degli ordini cavallereschi, delle medaglie e croci decorative di tutto il mondo e di tutti i tempi, Tip. Giannini, Napoli 1907;
  • I motti delle famiglie italiane, Tip. Giannini, Napoli 1910;
  • Della chinea e del modo come veniva offerta ai Romani pontefici. Nota storica, Tip. Gambella, Napoli 1911;
  • Il titolo di Principe del Sacro Romano Impero, Tip. Bideri, Napoli 1912;
  • Il titolo di Cavaliere. Nota storica, Tip. Bideri, Napoli 1912;
  • Ricordi storici dei Nemagna Paleologo imperatori dei Serbi e Greci, dinasti di Albania, Tip. Di Gennaro, Napoli 1921.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M.T. Biagetti, Biblioteconomia italiana dell'Ottocento. Catalografia e teoria bibliografica nella trattatistica italiana, Bulzoni, Roma 1996.
  2. ^ I concorsi in Italia. Norme pratiche per la formazione dei cataloghi alfabetici, o per materie e degli indici per specialità bibliografiche, Tip. Giannini, Napoli 1887.
  3. ^ cfr. URL: https://www.sangiuseppedeinudi.org/sopraintendenti/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44667929 · ISNI (EN0000 0001 2130 6517 · SBN IT\ICCU\RAVV\075068 · BNF (FRcb129704743 (data) · BAV (EN495/190100 · WorldCat Identities (ENviaf-44667929