Ordine dinastico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un ordine dinastico è un genere di ordine cavalleresco conferito dal capo di una famiglia reale attualmente esistente o passata e che appartiene al patrimonio araldico della dinastia stessa.[1][2][3] Differisce da un ordine di merito statale, religioso o militare che è proprietà araldica di quell'istituzione, perché in origine è stato istituito per ricompensare i servizi personali resi ad un sovrano, ad una dinastia, o ad una antica famiglia di rango principesco.[1] Un esempio chiaro della differenza che corre tra un ordine dinastico ed uno statale si vede osservando il britannico Ordine Reale di Vittoria, che è nel regalo personale del sovrano, e l'Ordine dell'Impero Britannico, che viene concesso dal sovrano sulla base delle raccomandazioni dal Primo Ministro.[4]

Ordini dinastici oggi[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente esistono ancora svariati ordini dinastici, soprattutto in Europa: essi sono sia quelli concessi da un sovrano regnante che quelli concessi dal capo di una dinastia non più sovrano.

Concessi da Capi di Dinastie regnanti[modifica | modifica wikitesto]

Concessi da Capi di Dinastie non più regnanti[modifica | modifica wikitesto]

I seguenti ordini, pur continuando ad esistere, sono concessi solo ai membri della famiglia reale:

Tra gli ordini dinastici di famiglie non più regnanti, la Repubblica Italiana riconosce attualmente solo l'Ordine Costantiniano di San Giorgio (sia quello di Napoli che quello di Parma), l'Ordine di Santo Stefano Papa e Martire, l'Ordine di San Giuseppe, l'Ordine di San Lodovico e l'Ordine dell'Aquila Estense; l'uso delle onorificenze di tali ordini deve essere autorizzato dal Ministero degli affari esteri[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Hyginus Eugene Cardinale, Orders of Knighthood Awards, and the Holy See, Chester Springs, PA, Dufour Editions, Inc, 31 dicembre 1985, pp. 119, ISBN 978-0-905715-26-1.
  2. ^ Jonny Geller, Bonington awarded the Royal Victorian Order, su News, Curtis Brown Literary and Talent Agency, 24 giugno 2010. URL consultato il 27 novembre 2012.
  3. ^ Glen Covert, The Habsburg Most Illustrious Order of the Golden Fleece: Its potential relevance on modern culture in the European Union (PDF), Ljubljana, Slovenia, The Historical Seminar, Scientific Research Center, Slovenian Academy of Sciences and Arts, 15 maggio 2008, pp. 40–41. URL consultato il 27 novembre 2012.
  4. ^ Governance of Britain: Review of the Executive Royal Prerogative Powers: Final Report, Ministry of Justice, 15 ottobre 2009, p. 6. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  5. ^ Gli ordini cavallereschi e la Legge 178/51

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]