Carlo Cotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Cotti (Lugano, 27 maggio 19031980) è stato un pittore, insegnante e restauratore svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Annibale Cotti (un italiano originario di Bergamo e di Margarethe Rösel (una tedesca originaria di Weimar), studia all'Istituto Landriani di Collina d'Oro e dal 1919 all'Accademia di Belle Arti di Brera. Nel 1923 è costretto a tornare in Svizzera, ma nel 1925 si reca in Italia per proseguire i suoi studi al Regio Istituto di Belle Arti di Roma[1].

Otto sue opere sono conservate nel Museo Cantonale d'Arte di Lugano.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Simona Martinoli et alii, Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 275, 277, 289, 340.
  • Peter Killer, 1979, 55.
  • Ester Giner Cordero, Carlo Cotti (Lugano 1903-1980) sedotto dall'arte sacra, in LaCittà, settembre 2008, 49.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45179117 · ISNI (EN0000 0000 6682 3895 · LCCN (ENn85118318 · GND (DE122287894 · BNF (FRcb12004713p (data) · ULAN (EN500062858