Carlo Bergoglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carlo Bergoglio, noto anche con lo pseudonimo di Carlin (Torino, 1º aprile 1895Torino, 25 aprile 1959), è stato un giornalista, scrittore e disegnatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Cuorgnè, esordì nel 1912 come caricaturista per il Guerin Sportivo. Dopo la prima guerra mondiale (fu ufficiale di fanteria) collaborò assieme a intellettuali come Attilio Mussino e Angiolo Silvio Novaro con la rivista torinese d'ispirazione cattolica Cuor d'oro (1922-1926) e riprese l'attività al Guerin, diretto da Giulio Corradino Corradini, di cui diventò inviato e caporedattore. Seguì particolarmente il ciclismo e il calcio; ritrasse numerosi ciclisti e ideò, nella rubrica L'araldica dei calci, apprezzate mascotte delle squadre di calcio italiane, simbologia utilizzata ancora oggi da società, giornalisti e tifoserie[1].

Nel 1945 lasciò il Guerino e accettò l'offerta di Renato Casalbore, che lo nominò vicedirettore del neonato Tuttosport. Scrisse le prefazioni ai libri di Alfredo Binda Le mie vittorie e le mie sconfitte (1931), di Fulvio Bernardini Dieci anni con la nazionale (1946) e di Giampiero Boniperti La mia Juventus. Pubblicò anche due libri: nel 1929 Dalli all'arbitro! Abbecedario del perfetto tifoso e nel 1946 Vita segreta dei giri d'Italia. Nel 1949 sostituì Casalbore, scomparso nella tragedia di Superga, alla direzione di «Tuttosport». Morì improvvisamente nel 1959, a 64 anni; gli furono dedicate la Pinacoteca comunale e il campo sportivo di Cuorgnè.

Nel 1948 in occasione del 50º anniversario della F.I.G.C. fu insignito del titolo di pioniere del calcio italiano.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Brera, Storia critica del calcio italiano, Baldini&Castoldi, Milano 1998 (II ed.), p. 81
  2. ^ Bollettino ufficiale della FIGC, comunicato ufficiale n. 45 del 18 febbraio 1949. Con comunicato n. 46, al Palazzo Tursi di Genova il 27 febbraio 1949 furono consegnati i distintivi d'onore alle persone che avevano dato un contributo rilevante allo sviluppo del gioco del calcio in Italia nel periodo 1898-1914 (comprese le persone già decedute): 7 presidenti; 12 del Piemonte; 15 della Lombardia; 5 del Veneto; 6 della Liguria; 2 dell'Emilia, 4 della Toscana; 5 del Lazio; 2 della Campania; 2 delle Puglie; 1 della Sicilia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Pecchenino (a cura di), TuttoCarlin. Rassegna delle opere di Carlo Bergoglio: scritti, caricature, disegni, bozzetti, dipinti, 1912-1959 (Guerin Sportivo e Tuttosport), Tip. Enrico, Ivrea 1979.
  • Carlin: luci e colori del Canavese, Catalogo della Mostra (Torino, 12 aprile - 2 maggio 1984), Cassa di Risparmio di Torino, Torino 1984.
  • Un articolo di Carlin sulla sciagura di Superga, dal titolo "Si sono portati via il cuore di tutti" è stato riportato integralmente a pagina 1222 del volume "Poesia e prosa - scelta di letture dal secolo XIII ai giorni nostri" di D. Consonni e L.P. Mazza, editore SEI Torino, 1951, utilizzato negli anni cinquanta come antologia nelle scuole medie.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]