Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Calcantite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calcantite
Chalcanthitefrance.jpg
Classificazione Strunz7.CB.20
Formula chimicaCuSO4·5(H2O)
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinotrimetrico
Sistema cristallinotriclino
Classe di simmetriapinacoidale
Parametri di cellaa = 6.12, b = 10.7, c = 5.97
Gruppo puntuale1
Gruppo spazialeP1
Proprietà fisiche
Densità2,2-2,3 g/cm³
Durezza (Mohs)2,5
Sfaldaturaimperfetta secondo {110} e {110}
Fratturaconcoide
ColoreAzzurro, tendente al verdastro
LucentezzaVitrea
OpacitàTrasparente
StriscioBlu pallido-incolore
Diffusioneassai rara
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La calcantite è un minerale, un solfato idrato di rame appartenente al gruppo omonimo.

Il nome deriva dal greco χαλκός = rame e ᾶνθος = fiore, per l'aspetto dei suoi cristalli.

Descritta per la prima volta da Wolfgang Xavier Franz Baron von Kobell (19 luglio 1803 – 11 novembre 1882) mineralogista tedesco, nel 1853.

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

I cristalli sono tavolette spesse o prismi tozzi tabulari.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

La sua genesi è secondaria, come prodotto di ossidazione dei solfuri di rame nei giacimenti cupriferi. Per la sua elevata solubilità in acqua, tali giacimenti sono situati in regioni a bassissima umidità.

Inoltre è stato osservato in prossimità di fumarole vulcaniche e in gallerie di miniere come incrostazione di minerale appena formato.

La paragenesi è con brochantite, gesso, melanterite, pickeringite ed epsomite.

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

Ha una morfologia poliforme: da cristalli a masse compatte, da stalattiti ad incrostazioni, infine in venuzze granulari e fibrose o in aggregati reniformi.

Caratteri fisico-chimici[modifica | modifica wikitesto]

È molto solubile in acqua, ha sapore sgradevole (è addirittura velenosa se ingerita). All'aria si disidrata e si altera in superficie per dare aggregati polverulenti bianco-verdastri; per questo va conservata in contenitori stagni o sottovuoto. Per riscaldamento produce SO3.

Località di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

A Rammelsberg e Goslar, in Germania; a Chuquicamata e Quetena, nel Cile; a Špania Dolina, in Slovacchia e presso il Rio Tinto, in Spagna.

In Italia forma concrezioni nella miniera Servette, nel comune di Saint-Marcel, in Val d'Aosta; in stalattiti invece si trova nella miniera di Libiola, nel comune di Sestri Levante, in provincia di Genova. Infine è stata trovata anche sul Monte Argentario, in Toscana.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Partendo da una soluzione di solfato di rame satura, si può facilmente ottenere la calcantite per via artificiale in grandi e bellissimi cristalli peraltro di fattura migliore di quelli naturali più piccoli purché vi sia mancanza di impurità nel solfato di rame di partenza.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mineralogia - Cornelis Klein - Zanichelli (2004)
  • Le rocce e i loro costituenti - Morbidelli - Ed. Bardi (2005)
  • Minerali e Rocce - De Agostini Novara (1962)
  • Guida al riconoscimento dei minerali - Borelli e Cipriani - Mondadori (1987)
  • I minerali d'Italia - SAGDOS - 1978
  • Minerali e Rocce - Corsini e Turi - Enciclopedie Pratiche Sansoni (1965)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia