Caffè sospeso (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caffè sospeso
Paese di produzioneItalia, Argentina, Stati Uniti d'America
Anno2017
Generedocumentario
RegiaRoly Santos, Fulvio Ianucci
SoggettoAlessandro Di Nuzzo
ProduttoreAlfredo Federico, Filippo Conz, Michele De Caro
Casa di produzione39Films & Romana Audiovisual e NFI e ZBABAM.
FotografiaEnzo Pascolo
MontaggioPaolo Barone

Caffè sospeso è un film documentario realizzato dai registi Fulvio Iannucci e Roly Santos. È stato presentato in anteprima il 30 novembre 2017 alla sedicesima edizione del Rome Independent Film Festival.[1] Avendo ottenuto il riconoscimento culturale dalla Commissione per la Cinematografia del MIBACT–Direzione Generale Cinema, il documentario è disponibile su Netflix da maggio 2018.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film segue le storie di tre personaggi: Elisabeth diventa un'imprenditrice a New York seguendo le orme di suo padre, con l'obiettivo di trasformare il suo fallimento in successo; Giancarlo è un rumeno che vive a Napoli in libertà condizionale e fa sforzi per inserirsi in una società che lo vuole obbediente e addomesticato; Glodier, a Buenos Aires, trova un cliente (Martin Malharro) che è uno scrittore e gli dà la possibilità di diventare un personaggio di romanzo. Ognuno di questi personaggi ha una stretta relazione con il caffè, una vende macchine da caffè per uso domestico a New York, un altro sconta una pena come barista in un bar nei tribunali di Napoli e l'altro è un barista in uno dei bar più emblematici di Buenos Aires.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Caffè Sospeso, su RIFF, 30 novembre 2017. URL consultato l'11 luglio 2019.
  2. ^ (EN) Il "Caffè sospeso" sbarca su Netflix, su Roma. URL consultato l'11 luglio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema