Bring your own device

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bring your own device (BYOD) (chiamato anche bring your own technology (BYOT), bring your own phone (BYOP), e bring your own PC (BYOPC)) in italiano: Porta il tuo dispositivo, porta la tua tecnologia, porta il tuo telefono e porta il tuo pc è un'espressione usata per riferirsi alle politiche aziendali che permettono di portare i propri dispositivi personali nel posto di lavoro, e usarli per avere gli accessi privilegiati alle informazioni aziendali e alle loro applicazioni. Il termine è anche usato per descrivere le stesse pratiche applicati agli studenti che usano i loro dispositivi in ambito educativo[1]. È stato proposto di applicare il BYOD anche in Italia al mondo della scuola per ovviare alla scarsità di dotazione informatica e l'insufficienza dei fondi pubblici.[2]

La pratica di BYOD sta facendo notevoli passi avanti nel mondo aziendale, con circa il 75% di impiegati nei mercati in via di sviluppo, quali Brasile e Russia e il 45% in mercati sviluppati che già usano la loro tecnologia a lavoro[3]. Il BYOD consente la containerizzazione, vale a dire creare due ambienti diversi sullo stesso dispositivo, con dati aziendali e dati personali (chiamate, SMS, localizzazione GPS, ecc) rigorosamente separati, fin ad avere una Virtual Machine livello del sistema operativo controllata dall'IT aziendale, o nel firmware del processore (a livello hardware, al di sotto del sistema operativo), o ricorrere a soluzioni di hosted virtual desktop (HVD) o virtual mobile OS, con cui l'utente si collega alla Intranet aziendale ad applicazioni e dati che fisicamente risiedono su un server remoto. La gestione dei dispositivi mobili (Mobile device management, MDM) consente da remoto di eliminare i dati di natura sensibile in caso di furto o smarrimento di un dispositivo, la formattazione dei dispositivi disattivati, la revoca dei diritti di accesso quando il rapporto con l'utente finale passa da dipendente a ospite o quando un dipendente viene licenziato.

Una buona policy di sicurezza vuole che notebook, smartphone, ecc. siano protetti da password pesonale dell'utente, cui si aggiunge un secondo livello di sicurezza dato dalla cifratura di tutti i dati, sia fermi (salvati in locale o su memorie esterne), che in transito.

Una declinazione del BYOD è rappresentata dal WYOD (Wear Your Own Device, in italiano: Indossa il tuo dispositivo), che si riferisce alla pratica di utilizzare nei contesti lavorativi i dispositivi indossabili (wearable, in inglese) personali, come per esempio smartwatch e smartglass.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bring Your Own Technology (BYOT) on maleehome.com
  2. ^ Su Prof Digitale una analisi dei pro e dei contro l'introduzione del BYOD nella didattica
  3. ^ BYOD on pcworld.com

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]