Blinky Palermo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blinky Palermo de Lothar Wolleh

Blinky Palermo, pseudonimo di Peter Heisterkamp, nato Schwarze (Lipsia, 2 giugno 1943Vihamanaafushi, 18 febbraio 1977), è stato un pittore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Peter Schwarze, col fratello gemello Michael, viene adottato da bambino e cambia il cognome in Heisterkamp. Nel 1962 si iscrive all'Accademia di Düsseldorf, dove studia con Joseph Beuys. Nel 1964 adotta il nome d'arte Blinky Palermo, da un noto mafioso italo-americano, promotore di incontri di pugilato. Nel 1968 espone alla galleria Heiner Friedrich di Monaco. Nel 1970 visita New York con Gerhard Richter e vi trasferisce il proprio studio nel 1973. Partecipa ad una settantina di mostre e rappresenta la Germania alla Biennale di San Paolo del Brasile nel 1975.

Morì a 33 anni, nel 1977, durante un viaggio alle Maldive, sull'isola turistica di Vihamanaafushi/Kurumba[1] per cause definite misteriose ma che potrebbero celare i problemi dell'artista con le droghe.[2]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Blinky Palermo rinuncia ad ogni riferimento alla realtà e concentra la sua attenzione e quella degli spettatori sui valori espressivi dei colori e sulla loro carica emotiva e spirituale. Fonti di ispirazione a cui l'artista guarda con interesse sono le opere degli esponenti del movimento Color Field, e cioè Barnett Newman, Mark Rothko, Clifford Still e Ad Reinhardt.

Mostre (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

Isgesamt fanden 70 Palermo-Ausstellungen zu Lebzeiten des Künstlers statt.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN59876803 · LCCN: (ENn82069898 · ISNI: (EN0000 0000 8139 6756 · GND: (DE118591339 · BNF: (FRcb11986658x (data) · ULAN: (EN500047415
Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura