Bleona (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bleona Qereti)
Jump to navigation Jump to search
Bleona
Bleona Qereti's Ibiza photo shoot by Vincent Peters (01).png
NazionalitàAlbania Albania
GenerePop
Dance
Periodo di attività musicale1996 – in attività
Strumentovoce
Album pubblicati8
Studio7
Raccolte1
Sito ufficiale

Bleona, all'anagrafe Bleona Qereti (Coriza, 14 maggio 1979), è una cantante, personaggio televisivo e modella albanese.

Bleona
Bleona Qereti gloves.jpg
Altezza178 cm
Occhinero
Capellicapelli castani

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da tempo residente negli Stati Uniti, dove è soprannominata la "Madonna d'Albania", ha all'attivo 8 album in studio e un milione e mezzo circa di dischi venduti durante la sua carriera.[1][2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Trasmissioni televisive[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 - Kam Qejfin Tim
  • 1999 - Nese Me Do Fort
  • 2001 - S'me Behet Vone
  • 2002 - Ik Meso Si Dashurohet
  • 2003 - Ti Nuk Di As Me Ma Lyp
  • 2005 - Boom Boom
  • 2007 - Mandarinë...

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • 2005 - Greatest Hits

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 - Lermeni
  • 1999 - Nese me do fort
  • 2001 - S’me behet vone
  • 2002 - Ik meso si dashurohet
  • 2003 - O bo bo c'i bere vehtes
  • 2005 - S'dua
  • 2005 - Boom Boom
  • 2006 - Hallal e ke
  • 2007 - Mandarin
  • 2008 - Magnetic
  • 2010 - Show Off
  • 2012 - Pass Out (con Timbaland)
  • 2013 - Without You
  • 2013 - Take It Like A Man
  • 2014 - Fuck You I'm Famous
  • 2014 - Still In Love
  • 2015 - Take You Over
  • 2018 - Wicked Love
  • 2018 - I Don't Need Your Love
  • 2019 - No One Like You

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mary Carbonero, Bleona Qereti: "Ho un cuore ribelle, ma amo Sanremo", su Stylology, 10 febbraio 2016. URL consultato il 21 maggio 2017.
  2. ^ (EN) Seamus Kirst, Bleona: The Self-Funded, Independent Pop Star, su Forbes, 1º febbraio 2016. URL consultato il 21 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]