Bitterness the Star

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bitterness the Star

Artista 36 Crazyfists
Tipo album Studio
Pubblicazione 4 aprile 2002
Durata 46 min : 35 s
Genere[1] Post-hardcore
Alternative metal
Etichetta Roadrunner Records
Produttore Eddie Wohl, Rob Caggiano, Steve Regina
36 Crazyfists - cronologia
Album precedente
Demo '99
(1999)
Album successivo
(2004)

Bitterness the Star è l'album debutto della band metalcore, proveniente dall'Alaska, 36 Crazyfists. È stato pubblicato il 4 aprile 2002 dalla Roadrunner Records, e prodotta da Eddie Wohl.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Turns to Ashes – 3:18
  2. One More Word – 3:39
  3. An Agreement Called Forever – 3:23
  4. Eightminutesupsidedown – 3:17
  5. Slit Wrist Theory – 4:01
  6. Bury Me Where I Fall – 3:35
  7. Dislocate – 3:46
  8. Two Months From a Year – 4:25
  9. Chalk White – 3:41
  10. All I Am – 4:30
  11. Ceramic – 3:03
  12. Circle the Drain – 3:42
  13. Left Hand Charity – 2:15
  14. Crutch (UK Bonus Track) – 5:27
  • Tutta la lirica è stata scritta da Brock Lindow, e tutta la musica dai 36 Crazyfists.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Crediti[modifica | modifica sorgente]

  • Brock Lindow - voce
  • Steve Holt - chitarra elettrica, voce secondaria
  • Mick Whitney - bassista
  • Thomas Noonan - batterista
  • Eddie Wohl - produttore, mixer
  • Rob Caggiano - produttore, mixer
  • Steve Regina - produttore, mixer
  • Ted Jensen - mixer
  • Monte Conner - A&R
  • Carl Severson - voce secondaria in One More Word
  • Steev Esquivel - voce secondaria in Bury Me Where I Fall
  • Daniel Moss - fotografo
  • Brooke Fasani - fotografo dal vivo
  • Paul Orofino - assistente tecnico

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda sull'album da allmusic.com