Battaglia di Trincomalee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Trincomalee
parte della guerra anglo-francese (1778-1783)
Data3 settembre 1782
LuogoGolfo del Bengala
EsitoVittoria Francia
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Perdite
51 morti
283 feriti
82 morti
255 feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Trincomalee, fu la quarta battaglia in ordine cronologico ad essere combattuta tra la flotta britannica capitanata dal viceammiraglio Edward Hughes e la flotta francese capitanata da Bailli de Suffren al largo delle coste indiane del golfo del Bengala durante la rivoluzione americana. La battaglia ebbe luogo il 3 settembre 1782.

La battaglia terrestre (25-31 agosto 1782)[modifica | modifica wikitesto]

Pianta del forte di Trincomalee redatta poco tempo dopo l'assedio da parte del cavaliere di Roys. (Archives de l'outre-mer)

Dopo essere stato rifornito, Pierre André de Suffren arrivò di sorpresa davanti a Trincomalee, sulla costa est di Ceylon, il 25 agosto 1782. Lo sbarco delle truppe avviene di notte, all'una del mattino sulla spiaggia fuori dalla portata delle batterie britanniche del forte a protezione del porto e Suffren prende il comando. Il signor d'Agout[1], tenente colonnello della 3e légion de volontaires étrangers de la marine, è responsabile della fanteria e di alcuni elementi della cavalleria, Duvis del genio, M. Fontaine dell'artiglieria. Il 30 agosto 1782, la batteria di André de Rambaud apre il fuoco. I proiettili fanno effetto sulle mura annota Suffren nel suo giornale di bordo, del 1º settembre 1782. Con i suoi 1.272 soldati, prende d'assalto e conquista Trincomalee il 31 agosto. Questa azione a sorpresa permette a Suffren di avere un porto per la sua squadra nella regione. Lasciando un contingente numeroso per difendere il porto, Suffren e la sua squadra aspettano fuori dal porto l'attacco di Hughes.

La battaglia marittima (3 settembre 1782)[modifica | modifica wikitesto]

La battaglia di Trincomalee, il 3 settembre 1782, vista dal pittore Dominique Serres (1719-1793).

La squadra di Hughes arrivò davanti a Trincomalee. Suffren lanciò un forte attacco, che riuscì soltanto a distruggere alcune navi. La formazione di combattimento più ordinata tenuta dagli inglesi volse il combattimento a favore di questi ultimi, con la fine nella tarda serata. La nave ammiraglia Héros di Suffren venne fortemente danneggiata. L'ammiraglio dovette fuggire dopo aver subito pesanti perdite: 82 morti e 255 feriti. Gli inglesi non ebbero che 51 feriti[2].

Con il monsone che si profilava all'orizzonte, Suffern decise, dopo un nuovo breve scalo a Gondelour dove lasciò le sue truppe, di andare a svernare nella vasta baia di Achem, nell'isola di Sumatra. Gli inglesi parimenti decidono di svernare a Bombay.

Ma dopo questo scacco, Suffren rimuove dai loro rispettivi comandi tre dei suoi capitani che vengono rimandati all'île de France. Un quarto, esausto, di dimette e muore poco tempo dopo.

Le flotte presenti[modifica | modifica wikitesto]

(nome della nave seguito dal numero di cannoni)

Inglesi[modifica | modifica wikitesto]

  • Superb, 74,
  • Hero, 74,
  • Sultan, 74,
  • Burford, 70,
  • Monarca, 70,
  • Eagle, 64
  • Exeter, 64
  • Magnanime, 64
  • Monmouth, 64
  • Sceptre, 64
  • Worcester, 64
  • Isis, 50.

Francesi[modifica | modifica wikitesto]

  • Héros, 74,
  • Annibal, Vascello da 74 cannoni
  • Illustre, 74,
  • Orient, 74,
  • Artésien, vascello da 64 cannoni,
  • Ajax, 64,
  • Brillant, 64,
  • Bizarre, 64,
  • Sévère, 64,
  • Sphinx, 64,
  • Vengeur, 64,
  • Saint Michel, 60,
  • Flamand, 50,
  • Petit Annibal (la ex-Hannibal inglese catturata), 50,
  • Consolante, 36.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antoine Jean, visconte d'Agout, commendatore dell'ordine di San Luigi e di quello di Saint-Lazare, luogotenente generale delle armate del re e primo scudiero di sua altezza la duchessa d'Angoulême, nato nel 1750...
  2. ^ (EN) carta riepilogativa della battaglia sul sito gutenberg.ca (GIF), su gutenberg.ca. URL consultato il 1º agosto 2011.