Battaglia di Dandanqan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 37°23′30.96″N 61°20′43.27″E / 37.391933°N 61.345353°E37.391933; 61.345353

Battaglia di Dandanqan
Gaznaly-seljuk Dandanaqan.jpg
La battaglia in un manoscritto selgiuchide
Data 23 maggio 1040
Luogo vicinanze di Merv, odierno Turkmenistan
Esito vittoria dei Selgiuchidi
Schieramenti
Comandanti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Dāndanqān (in arabo: معركة داندقان‎, Maʿrakat Dāndanqān) ebbe luogo il 22 maggio 1040 tra le forze selgiuchidi e quelle ghaznavidi, a circa 50 km a sud-ovest di Merv (Turkmenistan attuale).

L'esito dello scontro fu favorevole ai Selgiuchidi e Mas'ud di Ghazna fu respinto in Afghanistan e in India dal Sultano Tughril Beg, che occupò così il Khorasan.

Preparativi[modifica | modifica wikitesto]

L'Impero dei Grandi Selgiuchidi nel 1092, con l'indicazione del sito della battaglia di Dandanqan del 1040

Quando il Sultano selgiuchide Tughril e suo fratello Chaghri presero a costituire un forte esercito, crebbe anche la minaccia sui territori ghaznavidi. Dopo che incursioni selgiuchidi ebbero colpito varie cittadine di confine, il Sultano Mas'ud I (figlio di Mahmud di Ghazna) decise di affrontare con la forza i Selgiuchidi e costringerli ad abbandonare i suoi territori.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la marcia delle forze del Sultano Mas'ud verso Sarakhs, gli incursori selgiuchidi misero in difficoltà l'esercito ghaznavide con la tattica del "mordi e fuggi". Gli irregolari selgiuchidi distrussero anche le linee di rifornimento ghaznavidi, tagliandoli fuori dai pozzi d'acqua necessari al loro rifornimento i soldati nemici. La disciplina e il morale delle forze ghaznavidi ne risentirono gravemente. Infine, il venerdì 23 maggio del 1040, 20.000 soldati selgiuchidi impegnarono in battaglia i 50.000 soldati ghaznavidi a Dāndanqān, tra Merv e Sarakhs.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Masʿūd fuggì senza vergogna dal campo di battaglia con 100 cavalieri di scorta. I Selgiuchidi occuparono il Khorasan persiano e le città della regione, stabilendo un impero che sarà più tardi chiamato dei Grandi Selgiuchidi.