Batsoà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Batsoà
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegionePiemonte
Dettagli
Categoriasecondo piatto
Ingredienti principali [1]
 

I batsoà costituiscono un antico piatto povero della cucina piemontese (in particolar modo di quella canavesana) che hanno come principale ingrediente il piedino di maiale fritto[2][3].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente venivano chiamate, in lingua francese, bas de soie (pron.: bad'suà), cioè "calze di seta", più che un'allusione alla tenerezza del cibo in questione[3], un'allusione antifrastica e ironica alla somiglianza fra il piedino del maiale e le calze da seta femminili di un tempo.

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Il piedino di maiale, precedentemente raschiato per privarlo delle setole e preferibilmente diviso in due per la lunghezza, va cotto lungamente in acqua e aceto fino ad ammorbidirne la cotenna e le cartilagini. Quindi viene passato nell'uovo frullato con sale e pepe, poi nella farina di mais e fritto in abbondante burro spumoso.

Deve risultare croccante e tenero al tempo stesso. Viene servito tradizionalmente con il bagnet verd. È uno dei piatti tradizionali serviti al Festival delle Sagre di Asti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PDF) Batsoà Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive. sul sito turismotorino.org
  2. ^ Batsoà sul sito piaceredelgusto.com
  3. ^ a b Batsoà, una ricetta di cucina piemontese, su Turismo Torino e Provincia Blog. URL consultato il 1º aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]