Bathypterois dubius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ala filosa
Bathypterois dubius.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Aulopiformes
Famiglia Ipnopidae
Genere Bathypterois
Specie B. dubius
Nomenclatura binomiale
Bathypterois dubius
Vaillant, 1888

L'ala filosa (Bathypterois dubius) è un pesce abissale della famiglia Ipnopidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Si incontra nel mar Mediterraneo, di cui è endemica. Nei mari italiani è noto nell'Arcipelago Toscano e nel mar Jonio e non è comune, ma forse solo a causa dell'inaccessibilità dei fondali che frequenta.
È presente almeno fino a 2800 metri di profondità.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo pesce ha un aspetto piuttosto caratteristico. Il corpo è allungato e fusiforme, più compresso lateralmente nella parte posteriore. La bocca è grande ed armata di piccoli denti. Gli occhi sono minuscoli. La pinna anale è impiantata subito sotto la fine della pinna dorsale. Le pinne pettorali sono costituite da due porzioni, quella inferiore ha raggi molto corti mentre quella superiore è costituita da due soli raggi molto allungati, rigidi e fusi per circa due terzi della loro lunghezza. Anche le pinne ventrali presentano alcuni raggi allungati e rigidi. Le squame sono grandi e ben visibili.
Il colore dell'animale è blu molto scuro; dopo la morte assume una tinta nera.
Misura circa 20 cm di lunghezza massima.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si ciba di invertebrati bentonici.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Le abitudini ed il modo di vita di questa specie sono quasi completamente ignoti. Si crede che questo pesce si appoggi sul fondale fangoso senza affondarvi utilizzando i raggi allungati delle pinne ventrali e pettorali come un treppiede. Questo comportamento è noto con certezza per la specie Bathypterois grallator, occasionale nel Mediterraneo.

Specie affini[modifica | modifica wikitesto]

Bathypterois mediterraneus è un vecchio nome per gli esemplari mediterranei di questa specie, oggi considerato sinonimo di B. dubius.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Russell, B., Poss, S., Bannermann, P. & Nunoo, F., Bathypterois dubius, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975
  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani, Mursia, 1991 ISBN 88-425-1003-3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci