Banca delle Quattro Legazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banca delle Quattro Legazioni
Stato Stato Pontificio Stato Pontificio
Fondazione 1857 a Bologna
Fondata da
Chiusura 1861
Sede principale Bologna
Settore Bancario

La Banca delle Quattro Legazioni è stata una banca romagnola esistita fra il 1855 e il 1861.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1855 la succursale di Bologna della Banca dello Stato Pontificio fu separata dalla banca centrale e divenne autonoma[1].

Il processo di trasformazione societaria fu completato nel 1857 con la fondazione a Bologna della società anonima Banca delle Quattro Legazioni[1]. Promotore dell'operazione fu Marco Minghetti appoggiato del marchese Luigi Pizzardi, poi primo sindaco di Bologna. Prese il nome dalle quattro legazioni che erano la suddivisione amministrativa con cui lo Stato pontificio governava Bologna e la Romagna.[2]

Divenne istituto di emissione nelle fasi convulse tra il 1859 e la proclamazione del Regno d'Italia, per poi confluire nella Banca Nazionale del Regno d'Italia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Luigi De Matteo, Il Banco di Santo Spirito dalle origini al 1960
  2. ^ Le quattro legazioni avevano sede a Ferrara, Bologna, Ravenna, Forlì e prendevano tale nome perché rette da un Cardinale legato che, tuttavia era una carica per il governo civile e non implicava compiti religiosi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Porisini Condizioni monetarie e investimenti nel bolognese La Banca delle Quattro legazioni (1969)
  • Massimiliano Martinelli Il quesito intorno alla banca delle Quattro Legazioni (Bologna, All'ancora, 1859).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]