Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Atollo Addu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Atollo Seenu)
Atollo Addu
atollo amministrativo
Addu Atholhu
Atollo Addu – Veduta
Localizzazione
Stato Maldive Maldive
Amministrazione
Capoluogo Hithadhoo
Territorio
Coordinate
del capoluogo
0°38′S 73°09′E / 0.633333°S 73.15°E-0.633333; 73.15 (Atollo Addu)Coordinate: 0°38′S 73°09′E / 0.633333°S 73.15°E-0.633333; 73.15 (Atollo Addu)
Abitanti 28 707
Isole 23 di cui 6 abitate
Altre informazioni
Fuso orario UTC+5
ISO 3166-2 MV-01
Codice statistico S
S (ސ)
Cartografia
Atollo Addu – Mappa

L'Atollo Addu, precedentemente chiamato Atollo Seenu,[1] è l'atollo più meridionale della Repubblica delle Maldive e, insieme all'isola Fuvahmulah dell'Atollo Gnaviyani che si trova a circa 50 chilometri a Nord di Addu, è l'unico che si estende a Sud dell'equatore, nell'emisfero australe. Solo sei delle isole dell'atollo sono abitate, e sono: Meedhoo, Hithadhoo, Maradhoo, Feydhoo e Hulhudhoo, con una popolazione complessiva di poco più di 28 000 abitanti. Assieme all'Atollo Huvadhu e a Fua Mulaku, Addu è separato dagli altri atolli maldiviani da un canale ampio un grado e mezzo.

Nel corso della II guerra mondiale e nel successivo periodo della Guerra Fredda sull'isola di Gan la Royal Air Force britannica tenne operativa una base militare per Marina e Aeronautica, la Royal Air Force Station Gan,[2] che fu attiva dal 1941 al 1976.

Isole abitate[modifica | modifica wikitesto]

Feydhoo, Hithadhoo, Hulhudhoo, Maradhoo, Maradhoo-Feydhoo, Meedhoo, Gan.

Isole disabitate[modifica | modifica wikitesto]

Aboohéra, Bodu Hajara, Boduhéragandu, Dhigihéra, Fahikédéhérangada e isola di Gan, sede dell'Aeroporto Internazionale di Gan. Isole turistiche, aeroporti e isole industriali sono considerate disabitate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ministry of Fisheries and Agriculture, Addu Atholhu (Seenu Atoll), su Maldives, http://www.atollsofmaldives.egov.mv. URL consultato il 6 marzo 2015.
  2. ^ (EN) Unit History: RAF Gan, ww.forces-war-records.co.uk. URL consultato il 6 marzo 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]