Atollo Thiladhunmathi Uthuruburi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Atollo Haa Alif
atollo amministrativo
Thiladhunmathi Uthuruburi
Localizzazione
StatoMaldive Maldive
Amministrazione
CapoluogoDhiddhoo
Territorio
Coordinate
del capoluogo
6°53′24″N 73°06′44″E / 6.89°N 73.112222°E6.89; 73.112222 (Atollo Haa Alif)Coordinate: 6°53′24″N 73°06′44″E / 6.89°N 73.112222°E6.89; 73.112222 (Atollo Haa Alif)
Abitanti19 251
Isole42 di cui 14 abitate
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+5
ISO 3166-2MV-07
Codice statisticoA
HA (ހއ)
Cartografia
Atollo Haa Alif – Localizzazione
Atollo Haa Alif – Mappa

L'atollo Thiladhunmathi Uthuruburi (Thiladhunmathi Nord), nome ufficiale per Atollo Haa Alif,[1] è l'atollo amministrativo più settentrionale delle Maldive, nato il 21 maggio 1958 dalla divisione dell'atollo Thiladhunmathi, anche conosciuto come Atollo Tiladummati, in una parte amministrativa settentrionale e una meridionale. È composto da 42 isole di cui 14 abitate. Thiladhunmathi Uthuruburi è il terzo atollo per estensione e per numero di abitanti delle Maldive e il più vicino a Sri Lanka e India.

A marzo 2015 sull'atollo erano presenti tre resort turistici.

Isole abitate[modifica | modifica wikitesto]

Baarah, Berinmadhoo, Dhiddhoo, Filladhoo, Hathifushi, Hoarafushi, Ihavandhoo, Kelaa, Maarandhoo, Mulhadhoo, Muraidhoo, Thakandhoo, Thuraakunu, Uligamu, Utheemu, Vashafaru,.

Isole disabitate[modifica | modifica wikitesto]

Alidhoo, Alidhuffarufinolhu, Beenaafushi, Dhapparu, Dhapparuhuraa, Dhigufaruhuraa, Dhonakulhi, Gaafushi, Gaamathikulhudhoo, Gallandhoo, Govvaafushi, Huraa, Huvahandhoo, Innafinolhu, Kudafinolhu, Maafahi, Maafinolhu, Madulu, Manafaru, Matheerah, Medhufushi, Mulidhoo, Naridhoo, Umaraiffinolhu, Ungulifinolhu, Vagaaru, Velifinolhu. Isole turistiche, aeroporti e isole industriali sono considerate disabitate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ministry of Fisheries and Agriculture, Thiladhunmathi Uthuruburi (Haa Alifu Atoll), su Maldives, http://www.atollsofmaldives.egov.mv. URL consultato il 6 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2015).