Artabazo II di Frigia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Artabazo II, in greco antico: Ἀρτάβαζος, Artàbazos, in latino: Artabazus (IV secolo a.C. – dopo il 343 a.C.), è stato un satrapo di Frigia, padre di Farnabazo e generale durante il regno di Artaserse II ed Artaserse III.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Farnabazo II, satrapo di Frigia, nel 355 a.C., per suggellare un'alleanza con i mercenari greci, Artabazo diede in sposa la figlia Barsine a Mentore di Rodi[1], uno dei più importanti generali dell'epoca. Alleatosi con varie città greche, Artabazo si ribellò al re persiano, ma venne sconfitto.

In seguito alla disfatta da parte dell'esercito persiano, Artabazo ripiegò in Macedonia con la sua famiglia, sotto la protezione di Filippo II di Macedonia, alla cui corte rimase fino al 343 a.C.

La figlia Artacama sposò a Susa nel 324 a.C., nel corso delle nozze collettive di Susa, il futuro re dell'Egitto, Tolomeo I.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alla morte di Mentore, Barsine ne sposò il fratello Memnone di Rodi
  2. ^ Arriano, Anabasi 7, 4, 6; Plutarco (Eumenes 1, 7) chiama erroneamente Apama la sposa di Tolomeo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie