Arkadij Timofeevič Averčenko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arkadij Timofeevič Averčenko

Arkadij Timofeevič Averčenko, in russo: Аркадий Тимофеевич Аверченко? (Sebastopoli, 27 marzo 1881[1]Praga, 12 marzo 1925), è stato uno scrittore e commediografo russo. Dopo la Rivoluzione russa, emigrò in Europa occidentale dove continuò a scrivere racconti, indirizzando la satira sia verso la rivoluzione sia verso gli stessi emigrati russi

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Vesëlye ustricy (Le allegre ostriche, 1910)
  • Umorističeskie rasskazy (Racconti umoristici, 1910)
  • Rasskazy cinika (I racconti di un cinico, 1925)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ovvero il 15 marzo del calendario giuliano.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Arkadij Timofeevič Averčenko, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

Controllo di autoritàVIAF (EN19906359 · ISNI (EN0000 0001 2123 2554 · SBN IT\ICCU\CUBV\010408 · LCCN (ENn83197158 · GND (DE119167808 · BNF (FRcb14472538d (data) · NLA (EN35777692 · BAV ADV10041104 · WorldCat Identities (ENn83-197158