Area Apollinis et Splenis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Area Apollinis et Splenis ("Area di Apollo e Spleni") era un'area sacra, di cui non si conserva nulla, ubicata nella Regio I dell'antica Roma[1]. Probabilmente, su di essa sorse successivamente la Basilica di San Saba[2].

Quest'area è citata nei Cataloghi regionari[3].

In passato, anche a causa dell'erronea attribuzione di un frammento marmoreo della Forma Urbis Romae severiana su cui si legge [A]REA APO[LLINIS] (ora attribuita all'area sul Palatino)[4], si riteneva che potesse essere costituita da un'ampia superficie scoperta al cui centro sorgeva un altare o una statua su podio[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Samuel Ball Platner & Thomas Ashby, Area Apollinis et Splenis, in «A Topographical Dictionary of Ancient Rome», London, Oxford University Press, 1929.
  2. ^ Anonimo, Mirabilia Romae, in: Efemeridi letterarie di Roma, Volume 1, Harvard University, 1820, pag. 387.
  3. ^ Cataloghi regionari
  4. ^ Forma Urbis Romae, Lastra VII-12, Stanford# 20e - Stanford Digital Forma Urbis Romae Project, Stanford University.
  5. ^ L. Richardson jr, A New Topographical Dictionary of Ancient Rome, JHU Press, 1992, ISBN 978-080184300-6, pag. 31.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]