Archon (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Archon
videogioco
Archon.png
La versione per Commodore 64
Piattaforma Commodore 64, Amiga, Amstrad CPC, Apple II, Atari 8-bit, PC booter, ZX Spectrum, NEC PC-8801, NES, Mac OS, Sharp X1, FM-7
Data di pubblicazione Atari: 1983
C64, Apple, PC: 1984
Amiga, CPC, ZX: 1985
Mac, PC88, X1: 1986
NES: 1989
Genere Strategia a turni, azione
Tema Fantasy
Sviluppo Free Fall Associates
Pubblicazione Electronic Arts
Ideazione Jon Freeman, Paul Reiche III
Modalità di gioco Singolo giocatore, multigiocatore
Periferiche di input Joystick, tastiera
Supporto Floppy disk, cassetta
Seguito da Archon II: Adept

Archon, anche sottotitolato Archon: The Light and the Dark, è un videogioco che unisce gioco da tavolo e azione, sviluppato dalla Free Fall Associates e pubblicato dalla Electronic Arts. Sviluppato originariamente per i computer Atari a 8 bit, venne convertito per diversi altri home computer. I suoi ideatori sono Paul Reiche III e John Freeman; la programmazione fu realizzata dalla moglie di Freeman, Anne Westfall[1].

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Archon è una versione fantasy e parzialmente aleatoria del gioco degli scacchi. La scacchiera è 9x9 e le fazioni che si combattono ("luce" e "oscurità") comprendono due insiemi diversi di pezzi, tutti ispirati a personaggi o creature mitologici (cavalieri, goblin, manticore, golem, fenici e così via), ciascuno con caratteristiche e poteri speciali propri. Lo scopo del gioco è sterminare le forze avversarie oppure conquistare contemporaneamente cinque caselle speciali.

I movimenti sulla scacchiera, eccetto pochissimi pezzi in grado di teletrasportarsi, sono di due tipi, di terra o d'aria; in entrambi i casi la mobilità di ogni pezzo è definita solo da una distanza massima, e si può raggiungere qualunque casella entro questa distanza, in più i pezzi volanti possono scavalcare gli altri pezzi.

A differenza di quanto avviene negli scacchi, quando un pezzo entra in una casella occupata da un pezzo avversario non avviene una semplice cattura; i due pezzi, invece, si scontrano in un duello che coinvolge le abilità specifiche di entrambi e che può risultare nella "morte" di uno qualsiasi dei pezzi, o addirittura di entrambi. Inoltre, anche il pezzo vittorioso può uscire dallo scontro con i suoi punti ferita ridotti e quindi indebolito. Il duello è un gioco di pura azione e avviene in un'altra schermata dove i due pezzi possono muoversi liberamente in due dimensioni, eccetto che sopra alcuni ostacoli naturali sparsi; alcuni pezzi sono dotati di armi a distanza, altri a corto raggio.

Ogni fazione comprende anche una unità speciale, rispettivamente il mago e la strega, in grado di lanciare incantesimi, per esempio guarire un'unità ferita, teletrasportare una unità in una casella qualsiasi, evocare un elementale e così via. Entrambi dispongono dello stesso assortimento di incantesimi e ciascuno può essere lanciato una sola volta per partita, al posto di una normale mossa.

La scacchiera comprende caselle bianche o nere e anche caselle che cambiano periodicamente colore secondo un ciclo giorno-notte; il colore rende le caselle favorevoli a una fazione oppure all'altra, migliorando o peggiorando un po' le capacità di combattimento del pezzo che ci sta sopra.

Eredità[modifica | modifica wikitesto]

Archon fu il primo gioco strategico per computer a non basarsi soltanto sulla riproduzione a video di un tabellone analogo a quello di un gioco da tavolo[2]. La medesima idea del combattimento fisico tra i pezzi era apparsa in una sequenza del film Guerre stellari, che fu una delle fonti di ispirazione per l'ideatore del gioco[1]. Dopo Archon altri giochi hanno percorso questa via: si possono ricordare in particolare Battle Chess (dove però gli scontri tra i pezzi sono solo animazioni con esito predefinito) e i più recenti videogiochi per console The Unholy War e Wrath Unleashed. Il seguito ufficiale del gioco fu Archon II: Adept del 1984, inoltre Strategic Simulations pubblicò Archon Ultra nel 1994. I primi due titoli uscirono insieme anche nella raccolta Archon Collection del 1989 per alcuni computer.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) James Hague, Free Fall Associates: Jon Freeman & Anne Westfall (intervista), su Halcyon Days, 2002.
  2. ^ Rossi 1993

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi