Antonia Pasqua Recchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonia Pasqua Recchia

Segretario Generale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Durata mandato dicembre 2011 –
2017[1]
Predecessore Roberto Cecchi
Successore Carla Di Francesco

Antonia Pasqua Recchia (Casalvieri, 12 febbraio 1951) è un architetto italiano. Direttore generale e poi segretario generale[2] del Ministero per i beni e le attività culturali, è la prima donna ad aver raggiunto il vertice dell'amministrazione del predetto ministero[3].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Casalvieri, in provincia di Frosinone, Antonia Pasqua Recchia si è laureata in architettura nel 1973. Nell'ambito del MiBAC, è stata direttore generale per l'organizzazione, affari generali, bilancio, personale e innovazione, nonché, con lo stesso ruolo, per l'architettura, l'arte contemporanea, le belle arti e il paesaggio. Dal novembre del 2011 è segretario generale dello stesso ministero, mentre dal maggio dell'anno seguente è anche commissario straordinario della Fondazione MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo[4]. È, altresì, docente presso la Sapienza Università di Roma.

Sposata con lo storico e conterraneo Guido Pescosolido, nel 2012 è stata tra i vincitori della corrispondente edizione del "Fiac Excellent Award", il premio della Foundation for Italian Art & Culture[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN188258124 · ISNI (EN0000 0003 8554 9838 · LCCN (ENn99025199 · BAV ADV11891357 · WorldCat Identities (ENn99-025199