Anna Aleksandrovna Taneeva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anna Aleksandrovna Taneeva

Anna Aleksandrovna Taneeva, in russo: Анна Александровна Танеева?, coniugata Vyrubova (in russo: Вырубова?) (Mosca, 16 luglio 1884Helsinki, 20 luglio 1964), è stata una nobildonna russa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era la figlia di Aleksandr Taneev, capo alla Cancelleria di Sua Maestà, e di sua moglie, Nadežda Illarionovna Tolstoj, era una discendente da feldmaresciallo Michail Illarionovič Kutuzov. Per queste connessioni venne assegnata alla corte imperiale in tenera età. Aveva due fratelli più piccoli, Sergej e Aleksandra.

Era una compagna di giochi d'infanzia di Feliks Feliksovič Jusupov, l'uomo che guidò l'omicidio di Grigorij Rasputin.

La vita a corte[modifica | modifica wikitesto]

Anna Vyrubova sulla spiaggia con la gran duchessa Tat'jana, sinistra, e Ol'ga Nikolaevna di Russia. Cortesia di: Beinecke Library.

Divenne amica e confidente della zarina. Anna sposò Aleksandr Vasil'evič Vyrubov, un ufficiale di marina, anche se venne avvertita da Rasputin che il matrimonio sarebbe stato infelice. Alla fine la coppia divorziò.

Durante la prima guerra mondiale si formò come una infermiera della Croce Rossa insieme alla zarina e alle granduchesse Ol'ga e Tat'jana. Rimase gravemente ferita in un incidente ferroviario nel gennaio del 1915, ma accreditò a Rasputin di averla salvata, grazie alla sua preghiera. In seguito alla rivoluzione russa, Anna fu sottoposta a una visita medica per provare la sua verginità. L'investigatore provinciale ha concluso che era troppo ingenua e poco intelligente per aver avuto alcuna influenza sulla zarina. Sfuggì alla rivoluzione bolscevica fuggendo in Finlandia.

L'esilio[modifica | modifica wikitesto]

Nel libro di memorie di Anna, descrive i suoi pericoli in carcere e la sua fuga dall'esecuzione quando, miracolosamente, incontrò alcuni vecchi amici di suo padre in una strada di San Pietroburgo che l'aiutarono a fuggire. Patì molte traversie nell'evitare i bolscevichi, e riuscì a fuggire in Finlandia solo nel dicembre del 1920.

Prima di lasciare la Russia, divenne amica del rivoluzionario scrittore Maksim Gor'kij che la esortò a scrivere le sue memorie e lei seguì il suo consiglio. I suoi ricordi della vita di corte forniscono descrizioni rare della vita domestica dello Zar e della sua famiglia. Passò il resto della sua vita prima a Viipuri e poi a Helsinki. Prese i voti come suora ortodossa russa, ma le venne permesso di vivere in una casa privata a causa delle sue disabilità fisiche. La sua tomba si trova nella sezione ortodossa del cimitero di Hietaniemi a Helsinki.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN97101171 · ISNI: (EN0000 0001 1078 7570 · LCCN: (ENn82058425 · GND: (DE119092859 · BNF: (FRcb15039655k (data) · BAV: ADV12205303
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie