Angelo Vulpiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Vulpiani sulle rive del Rio de la Plata, Montevideo, Uruguay, 2019.

Angelo Vulpiani (Borgorose, 8 agosto 1954) è un fisico e saggista italiano, noto per i suoi contributi alla fisica statistica e non lineare.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Vulpiani ha studiato fisica presso l'Università La Sapienza di Roma, dove si è laureato nel 1977 con relatore Giovanni Jona-Lasinio.[2] Dopo tre anni da borsista presso il CNR a Roma, nel 1981 è diventato ricercatore presso La Sapienza. Nel 1988 si è poi trasferito all'Università dell'Aquila come professore associato, tornando poi a La Sapienza nel 1991, dove dal 2000 è professore ordinario di fisica teorica presso il Dipartimento di Fisica. Nel 2021 ha ricevuto il Statistical and Nonlinear Physics Prize dell'European Physical Society, a riconoscimento dei suoi contributi al campo della meccanica statistica.[1] È anche un autore prolifico di libri, sia di stampo divulgativo che specialistico.

Ricerca scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Il primo contributo importante di Vulpiani alla fisica statistica, e probabilmente il più noto, è stato l'introduzione, all'inizio degli anni '80, del concetto di risonanza stocastica,[3] assieme ad Alfonso Sutera e Roberto Benzi, e la sua applicazione (con l'ulteriore collaborazione di Giorgio Parisi) allo studio della dinamica del clima.[4][5] Si tratta di un meccanismo matematico generale che spiega come in un sistema fisico non lineare, piccole perturbazioni periodiche unite ad un rumore di fondo stocastico possano venire amplificate fino a generare importanti oscillazioni del sistema. La sua esistenza fu confermata dopo breve tempo in sistemi elettronici,[6] laser[7] e reazioni chimiche,[8] e che ha assunto grande importanza nelle neuroscienze.[9][10][11] Per compiere le simulazioni del modello semplificato del clima, lui e Benzi erano costretti a recarsi di notte in un laboratorio del CNR a Roma: stando al racconto di Vulpiani, una notte avrebbero rischiato di essere arrestati, a causa del clima teso che si respirava in Italia durante gli anni di piombo.[12]

Negli anni successivi ha contribuito all'approccio multifrattale (una generalizzazione del concetto di frattale) nei sistemi caotici e nella turbolenza (dove viene usato per descrivere l'intermittenza),[13][14] e allo studio del comportamento caotico nei sistemi hamiltoniani (a partire dal problema di FPUT).[15] In seguito ha studiato vari problemi legati al trasporto caotico in flussi turbolenti e non,[16][17] aspetti generali della fisica dei sistemi complessi[18] e relazioni di fluttuazione-dissipazione in meccanica statistica del non equilibrio.[19]

Bibliografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Long citations for the EPS Statistical and Nonlinear Physics Prize 2021 (PDF), su European Physical Society. URL consultato il 9 aprile 2022.
  2. ^ Riccardo Crivellaro, Ritorno ai fondamenti della fisica e non solo: intervista a Angelo Vulpiani – Stoccolma a Roma, su stoccolmaaroma.it. URL consultato il 13 marzo 2022.
  3. ^ (EN) R Benzi, A Sutera e A Vulpiani, The mechanism of stochastic resonance, in Journal of Physics A: Mathematical and General, vol. 14, n. 11, 1º novembre 1981, pp. L453–L457, DOI:10.1088/0305-4470/14/11/006. URL consultato il 9 aprile 2022.
  4. ^ Roberto Benzi, Giorgio Parisi, Alfonso Sutera, Angelo Vulpiani, Stochastic resonance in climatic change, in Tellus, vol. 34, n. 1, 1982-02, pp. 10–16, DOI:10.1111/j.2153-3490.1982.tb01787.x. URL consultato il 2 aprile 2022.
  5. ^ Roberto Benzi, Giorgio Parisi, Alfonso Sutera, Angelo Vulpiani, A Theory of Stochastic Resonance in Climatic Change, in SIAM Journal on Applied Mathematics, vol. 43, n. 3, 1º giugno 1983, pp. 565–578, DOI:10.1137/0143037. URL consultato il 2 aprile 2022.
  6. ^ S. Fauve e F. Heslot, Stochastic resonance in a bistable system, in Physics Letters A, vol. 97, n. 1-2, 1983-08, pp. 5–7, DOI:10.1016/0375-9601(83)90086-5. URL consultato il 2 aprile 2022.
  7. ^ Bruce McNamara, Kurt Wiesenfeld e Rajarshi Roy, Observation of Stochastic Resonance in a Ring Laser, in Physical Review Letters, vol. 60, n. 25, 20 giugno 1988, pp. 2626–2629, DOI:10.1103/PhysRevLett.60.2626. URL consultato il 2 aprile 2022.
  8. ^ David S. Leonard e L. E. Reichl, Stochastic resonance in a chemical reaction, in Physical Review E, vol. 49, n. 2, 1º febbraio 1994, pp. 1734–1737, DOI:10.1103/PhysRevE.49.1734. URL consultato il 2 aprile 2022.
  9. ^ Adi Bulsara, E.W. Jacobs e Ting Zhou, Stochastic resonance in a single neuron model: Theory and analog simulation, in Journal of Theoretical Biology, vol. 152, n. 4, 1991-10, pp. 531–555, DOI:10.1016/s0022-5193(05)80396-0. URL consultato il 2 aprile 2022.
  10. ^ André Longtin, Adi Bulsara e Frank Moss, Time-interval sequences in bistable systems and the noise-induced transmission of information by sensory neurons, in Physical Review Letters, vol. 67, n. 5, 29 luglio 1991, pp. 656–659, DOI:10.1103/physrevlett.67.656. URL consultato il 2 aprile 2022.
  11. ^ Mark D. McDonnell e Derek Abbott, What Is Stochastic Resonance? Definitions, Misconceptions, Debates, and Its Relevance to Biology, in PLoS Computational Biology, vol. 5, n. 5, 29 maggio 2009, pp. e1000348, DOI:10.1371/journal.pcbi.1000348. URL consultato il 2 aprile 2022.
  12. ^ Angelo Vulpiani, Quando per collaborare con Parisi ci hanno quasi arrestato, su saperescienza.it. URL consultato il 9 aprile 2022.
  13. ^ R Benzi, G Paladin, G Parisi, A. Vulpiani, On the multifractal nature of fully developed turbulence and chaotic systems, in Journal of Physics A: Mathematical and General, vol. 17, n. 18, 21 dicembre 1984, pp. 3521–3531, DOI:10.1088/0305-4470/17/18/021. URL consultato il 9 aprile 2022.
  14. ^ (EN) Giovanni Paladin e Angelo Vulpiani, Anomalous scaling laws in multifractal objects, in Physics Reports, vol. 156, n. 4, 1º dicembre 1987, pp. 147–225, DOI:10.1016/0370-1573(87)90110-4. URL consultato il 9 aprile 2022.
  15. ^ Roberto Livi, Marco Pettini, Stefano Ruffo, Angelo Vulpiani, Equipartition threshold in nonlinear large Hamiltonian systems: The Fermi-Pasta-Ulam model, in Physical Review A, vol. 31, n. 2, 1º febbraio 1985, pp. 1039–1045, DOI:10.1103/physreva.31.1039. URL consultato il 9 aprile 2022.
  16. ^ V. Artale, G. Boffetta, A. Celani, M. Cencini e A. Vulpiani, Dispersion of passive tracers in closed basins: Beyond the diffusion coefficient, in Physics of Fluids, vol. 9, n. 11, 1997-11, pp. 3162–3171, DOI:10.1063/1.869433. URL consultato il 9 aprile 2022.
  17. ^ P. Castiglione, A. Mazzino, P. Muratore-Ginanneschi, A. Vulpiani, On strong anomalous diffusion, in Physica D: Nonlinear Phenomena, vol. 134, n. 1, 1999-10, pp. 75–93, DOI:10.1016/s0167-2789(99)00031-7. URL consultato il 9 aprile 2022.
  18. ^ E Aurell, G Boffetta, A Crisanti, G. Paladin e A. Vulpiani, Predictability in the large: an extension of the concept of Lyapunov exponent, in Journal of Physics A: Mathematical and General, vol. 30, n. 1, 7 gennaio 1997, pp. 1–26, DOI:10.1088/0305-4470/30/1/003. URL consultato il 9 aprile 2022.
  19. ^ U. M. B. Marconi, A. Puglisi, L. Rondoni, A. Vulpiani, Fluctuation–dissipation: Response theory in statistical physics, in Physics Reports, vol. 461, n. 4-6, 2008-06, pp. 111–195, DOI:10.1016/j.physrep.2008.02.002. URL consultato il 9 aprile 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5165094 · ISNI (EN0000 0001 1588 4353 · SBN AQ1V001375 · LCCN (ENn87844853 · J9U (ENHE987007329662905171