Alton Ellis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alton Ellis
AltonEllis.jpg
Alton Ellis dal vivo (2007)
NazionalitàGiamaica Giamaica
GenereEarly reggae[1][2]
Rocksteady[2][3]
Ska[2][3]
Periodo di attività musicale1959 – 2008
EtichettaStudio One
Treasure Isle
Trojan Records
Album pubblicati24
Studio17
Live0
Raccolte7

Alton Nehemiah Ellis (Kingston, 1º settembre 1938Londra, 10 ottobre 2008) è stato un cantautore reggae giamaicano. Uno dei maggiori ispiratori del rocksteady, nominato come "Godfather of Rocksteady" (il padrino del rocksteady)[3][4][5]. Il termine rocksteady, venne tratto dal suo brano "The Rock Steady"[6][7][8].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ellis nacque a Kingston, Giamaica, nel 1938. Durante i primi tempi si esibiva in alcuni locali. Con Eddie Perkins formò la coppia Alton & Eddie[3] con cui vinse, nel 1959, un talent show. I due registrarono il brano "Muriel", popolare hit in Giamaica. In seguito al secondo singolo "My Heaven", Perkins abbandonò il progetto.

Collaborando con la Treasure Isle di Duke Reid nel 1965 formò un trio vocale chiamato the Flames (con il fratello Leslie). Lavorò alle hit "Dance Crasher", e "Get Ready - Rock Steady". Si decise di rallentare il ritmo ska, con il battito più corto e lento, si caratterizzò quella che venne poi chiamata sound rocksteady[3]

(EN)

«playing slower you can play more notes... [2]»

(IT)

«suonando più lento puoi suonare più note...»

(Alton Ellis)

Nel 1966 altri successi quali "Cry Tough" e "Girl I've Got a Date" collaborò con Phyllis Dillon e con sua sorella Hortense Ellis. Il suo album classico Mr. Soul of Jamaica (in seguito ripubblicato su cd come Cry Tough) raccoglieva molte delle migliori tracce per la Treasure Isle[3] Dal 1968, inizia la sua doppia collaborazione: continuando a lavorare per Treasure Isle si esibisce anche per la Studio One, portando nel 1970 alla realizzazione del disco Sunday Coming.

Dopo le hit "Lord Deliver Us" e "Back to Africa", visse per un periodo di tempo in Canada e si trasferì in Inghilterra nel 1973, fondando in seguito la Alltone, una propria etichetta discografica. Partecipò al festival Reggae Sunsplash sia nel 1983 che nel 1985, registrò "Man From Studio One", in onore di Dodd nel 1991[3]

Nel dicembre 2007, venne ricoverato in ospedale per il cancro alle ghiandole del sistema linfatico e venne sottoposto alla chemioterapia[9]. La forma tumorale lo portò via il 10 ottobre 2008 al Hammersmith Hospital, West London[10].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • Mr Soul of Jamaica (1967)
  • Sings Rock and Soul (1967)
  • Sunday Coming (1970)
  • Still in Love (1977)
  • A Love to Share (1979)
  • Slummin' (1981)
  • Showcase (1984)
  • Mr Ska Bean'a (1981) Cha Cha (Alton Ellis & The Heptones)
  • A New Day (1983)
  • Daydreaming (1983)
  • 25th Silver Jubilee (1984)
  • Continuation (1985)
  • Jubilee Volume 2 (1985)
  • Alton & Hortense Ellis at Studio 1 (1990)
  • Man From Studio One (1994)
  • Change My Mind (2000)
  • More Alton Ellis (2001)

Live[modifica | modifica wikitesto]

  • Live with Aspo: Workin' on a Groovy Thing (2001)

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • The Best Of (1969)
  • All My Tears (1965-68) (2006) Brook
  • Alton Ellis Sings, Heptones Harmonise Jet Star (Alton Ellis & The Heptones - 1978-80)
  • Arise Black Man (1968-78) Moll Selekta
  • Greatest Hits (1973)
  • Be True to Yourself (196X-7X) (2004) Trojan
  • Get Ready for Rock Reggae Steady (1967-74) (1999) Jamaican Gold
  • Many Moods of Alton Ellis (1978-80) (1980) Tele-Tech
  • My Time Is the Right Time (1966-71) (2000) Westside
  • Reggae Valley of Decision (197X) (1996) House of Reggae
  • Soul Groover (1997) Trojan
  • Reggae Max (1997) Jet Star
  • The Duke Reid Collection (1999) Rhino
  • Soul of Jamaica (2001) Bianco
  • It Hurts Me So (2006) Essential Gold
  • Reggae Chronicles (2006) Hallmark
  • Muriel (2007) All Tone

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN80084098 · ISNI (EN0000 0000 4297 2028 · LCCN (ENn93053105 · GND (DE135286964 · BNF (FRcb139457828 (data)