Allobates crombiei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Allobates crombiei
Immagine di Allobates crombiei mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Famiglia Aromobatidae
Sottofamiglia Allobatinae
Genere Allobates
Specie A. crombiei
Nomenclatura binomiale
Allobates crombiei
(Morales, 2002)
Sinonimi

Colostethus crombiei
Morales, 2002

Allobates crombiei (Morales, 2002) è un anfibio anuro appartenente alla famiglia degli Aromobatidi.[2][3]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'epiteto specifico è stato dato in onore di Ronald Ian Crombie.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È endemica del Brasile, in particolare della regione di Altamira, nello stato del Pará. I suoi habitat naturali sono le foreste umide subtropicali o tropicali delle pianure, fiumi, paludi d'acqua dolce e paludi d'acqua dolce intermittenti. È minacciata dalla perdita di habitat.[1]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La Amazon GAA workshop brasiliana ha sollevato qualche dubbio sulla validità di questa specie.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Miguel Trefaut Rodrigues, Ulisses Caramaschi 2004, Allobates crombiei, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017.
  2. ^ Morales, 2002 "2000" : Sistemática y biogeografía del grupo trilineatus (Amphibia, Anura, Dendrobatidae, Colostethus), con descripción de once nuevas especies. Publicaciones de la Asociación de Amigos de Doñana, vol. 13, p. 1-59.
  3. ^ (EN) Frost D.R. et al., Allobates crombiei (Morales, 2002), in Amphibian Species of the World: an Online Reference. Version 6.0, New York, American Museum of Natural History, 2014. URL consultato il 21 settembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]