Alfa Hydri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
α Hydri
Alfa Hydri
Hydrus IAU.svg
Classificazione Nana bianco-gialla
Classe spettrale F0V[1]
Distanza dal Sole 72 anni luce
Costellazione Idra Maschio
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 01h 58m 46,195s
Declinazione −61° 34′ 11,49″
Dati fisici
Raggio medio 3,4 R
Massa
Periodo di rotazione 16,8 h
Velocità di rotazione 118 km/s[1]
Temperatura
superficiale
7350 K[1] (media)
Luminosità
31 L
Età stimata 914 milioni di anni[1]
Dati osservativi
Magnitudine app. 2,86[2]
Magnitudine ass. 1,15
Moto proprio AR: 263,66 mas/anno
Dec: 26,77 mas/anno
Velocità radiale 7 km/s
Nomenclature alternative
Head of Hydrus, α Hyi, GJ 83, HD 12311, HIP 9236, HR 591, IRAS 01572-6148, SAO 248474

Coordinate: Carta celeste 01h 58m 46.195s, -61° 34′ 11.49″

Alfa Hydri (α Hyi / α Hydri) è la seconda stella più luminosa della costellazione dell'Idra Maschio, distante approssimativamente 72 anni luce dalla Terra[2]. Spesso è chiamata con il nome informale di Head Of Hydrus (Testa dell'Idro in lingua inglese). Il nome di α Hydri non dev'essere confuso con α Hydrae (Alphard), la stella più luminosa della costellazione dell'Idra.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste australe e ciò comporta che la stella sia osservabile prevalentemente dall'emisfero sud, dove si presenta circumpolare anche da gran parte delle regioni temperate; avendo una declinazione di −61° dall'emisfero nord la sua visibilità è invece limitata alle regioni temperate inferiori e alla fascia tropicale, e comunque non più a nord della latitudine 29° N. La sua magnitudine pari a 2,86 le consente di essere scorta con facilità anche dalle aree urbane di moderate dimensioni.

Alfa Hydri era, nel 2900 a.C., la stella di riferimento del polo sud celeste, molto più luminosa di σ Octantis, la stella visibile ad occhio nudo attualmente più vicina al polo sud[3].

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Alfa Hydri è una nana bianco-gialla appartiene alla classe spettrale F0V o una subgigante bianco-gialla di tipo F0IV, a seconda degli studi presi in considerazione. Ha una magnitudine apparente di +2,86 ed è una stella con una massa più che doppia rispetto al Sole e 31 volte più luminosa[1]. L'età stimata è di poco inferiore al miliardo di anni ed è ormai vicina al momento in cui si trasformerà in gigante, avendo terminato l'idrogeno nel suo nucleo da trasformare in elio, e diventerà 40 volte più luminosa di quanto è attualmente[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f J. Zorec, F. Royer, Rotational velocities of A-type stars. IV. Evolution of rotational velocities, in Astronomy and Astrophysics, vol. 537, A120, gennaio 2012), p. 22, DOI:10.1051/0004-6361/201117691.
  2. ^ a b Erik Anderson, Charles Francis, XHIP: An Extended Hipparcos Compilation, in Astronomy Letters, 23 marzo 2012.arΧiv:1108.4971
  3. ^ a b Beta Hydri (Stars, Jim Kaler)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni