Alessandro Sisti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Sisti a Lucca Comics & Games 2016

Alessandro Sisti (Broni, 7 luglio 1960) è uno sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro Sisti nasce a Broni in provincia di Pavia, ma cresce a Genova, dove sin dal 1977 inizia a collaborare come disegnatore con lo studio di Franco Fossati all'epoca responsabile delle sceneggiature di Topolino. Nel 1982 esce sul numero 1365 di Topolino la sua prima avventura: Topolino e il mistero dei Satelliti.[1]

Sisti inizia anche a collaborare come giornalista scrivendo per svariate testate locali dapprima liguri, successivamente di Venezia, dove si trasferisce nel 1985. Continua intanto a scrivere sceneggiature per la Disney, ma anche per altri fumetti come per esempio la serie Big Mac Fargo dedicata al mondo del wrestling che viene pubblicata nei primi anni novanta sul Corriere dei Piccoli. Nel 1993, grazie anche all'esperienza giornalistica in campo economico produce con Massimo Marconi L'Economia di Zio Paperone, supplemento de il Sole 24 Ore.[2]

Nel 1995 assieme a Ezio Sisto e l'allora direttore di Topolino Paolo Cavaglione progetta la serie a fumetti PK - Paperinik New Adventures, alla quale contribuisce a svilupparne l'intreccio, l'ambientazione e la genesi dei personaggi. Per PKNA Sisti scrive le sceneggiature di diciotto numeri, tra cui i tre numeri zero, che hanno dato l'avvio alla saga e la miniserie Lo zen e la fisica dei quanti.[3][4][5][6]

Dopo la chiusura di PKNA il 20 dicembre 2000, continua a scrivere storie per il Progetto PK. Cura le sceneggiature di cinque numeri per la serie PK² e una per la serie PK - Pikappa, quella del numero 022: Trasporto valori.[7]

Nel 1997 cura la sceneggiatura di Topolino-ino-ino, uscita il 14 ottobre sul numero 2185 di Topolino. La storia entra nel Guinness dei Primati per essere la storia più piccola del mondo.[8] Attualmente Alessandro Sisti risiede a Piacenza, ha insegnato all'Accademia Disney e tuttora alla Scuola del Fumetto di Milano e ha collaborato con la Walt Disney Italia, per la quale dal 2008 sta scrivendo alcune sceneggiature della serie DoubleDuck (adesso con Panini Comics).

Su Topolino, nel settembre 2021, a partire dal numero 3434 e fino al 3437, sceneggia la storia "Zio Paperone e il centunesimo canto", dedicata ai 700 anni dalla scomparsa di Dante Alighieri.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996 ha vinto il Topolone d'Oro per la migliore sceneggiatura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ n°1365, su coa.inducks.org. URL consultato il 16 settembre 2012.
  2. ^ L'Economia di Zio Paperone, su coa.inducks.org. URL consultato il 16 settembre 2012.
  3. ^ PKNA #0, su epk.altervista.org. URL consultato il 16 settembre 2012.
  4. ^ PKNA #02, su coa.inducks.org. URL consultato il 16 settembre 2012.
  5. ^ PKNA #03, su coa.inducks.org. URL consultato il 16 settembre 2012.
  6. ^ Lo zen e la fisica dei quanti, su coa.inducks.org. URL consultato il 16 settembre 2012.
  7. ^ PK-Pikappa 022, su coa.inducks.org. URL consultato il 16 settembre 2012.
  8. ^ n°2185, su coa.inducks.org. URL consultato il 16 settembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37145003667461341131 · LCCN (ENno2015162299 · WorldCat Identities (ENlccn-no2015162299