Alberto Gentili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alberto Gentili (Vittorio Veneto, 4 febbraio 1873Torino, 8 novembre 1954) è stato un musicologo, compositore e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu docente di Storia della musica presso l'Università di Torino dal 1925 al 1938, quando venne rimosso dall'insegnamento a causa delle leggi razziali fasciste in quanto di religione ebraica.

Finita la seconda guerra mondiale, rinuncerà a riprendere il suo posto presso l’Ateneo torinese.

A Gentili si deve il recupero e la conservazione presso la Biblioteca Nazionale di Torino di una grande quantità di documenti (comprese composizioni inedite) di Antonio Vivaldi, con l'ispirazione della Raccolta Mauro Foà e della Raccolta Renzo Giordano.

A questo proposito è interessante leggere il romanzo scritto da Federico Maria Sardelli "L'affare Vivaldi", edito da Sellerio.

Un concerto in suo onore si è tenuto il 12 dicembre 2004 a Vittorio Veneto organizzato dall'Associazione Lirica "Pier Adolfo Tirindelli" di Conegliano.

Una targa commemorativa a cura del Comune di Torino in data 12 giugno 2019 è stata scoperta in Piazza Carlo Alberto, sul muro della Biblioteca Nazionale.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su comune.torino.it. URL consultato il 13 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42591554 · ISNI (EN0000 0001 2024 6882 · SBN IT\ICCU\RAVV\092049 · LCCN (ENno89001377 · GND (DE116542640 · BNF (FRcb167490842 (data) · BAV (EN495/119240 · WorldCat Identities (ENlccn-no89001377