Alberto Baumann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alberto Baumann (Milano, 12 maggio 1933Roma, 1º novembre 2014) è stato un giornalista, scrittore, pittore e scultore italiano.

Come giornalista iniziò come inviato de La Nazione di Firenze. Ha collaborato al Il Mondo di Pannunzio. Ha scritto nella terza pagina de L'Umanità con una sua rubrica di elzeviri. Come scrittore, sono stati pubblicati un libro di racconti (Se esco vivo da qui) e due raccolte di poesie (Il sapore delle cose, Ti presento il Signore Dio tuo). Negli anni '70 ha collaborato ad una delle prime televisioni commerciali romane, la "GBR", inventandosi trasmissioni in seguito riprese da reti nazionali.

L'artista[modifica | modifica wikitesto]

Artista poliedrico, la cui opera pittorica si ispira al primo astrattismo, benché nelle sue composizioni siano riconoscibili, in grado o misura diversi, elementi figurativi che danno al suo discorso una personalissima piega filosofica di origine letteraria. Tali elementi si ritrovano nelle sue sculture, per lo più in ferro, spesso ricavate da rifiuti industriali. Opere di Alberto Baumann sono esposte in collezioni private e pubbliche.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Opere in mostra oppure nei musei

Altri siti


Controllo di autorità VIAF: (EN90326766 · SBN: IT\ICCU\SBLV\067652