Airspeed Oxford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Airspeed AS.10 Oxford
Airspeeed AS.10 Oxford HM954 at Blackbushe 1954.jpg
Descrizione
Tipoaereo da addestramento
Equipaggio3
CostruttoreRegno Unito Airspeed
Data primo volo19 giugno 1937
Utilizzatore principaleRegno Unito RAF
Sviluppato dalAirspeed Envoy
Altre variantiAirspeed Consul
Dimensioni e pesi
Oxford AS10 Silh.jpg
Tavole prospettiche
Lunghezza10,52 m (34 ft 6 in)
Apertura alare16,26 m (53 ft 4 in)
Altezza3,38 m (11 ft 1 in)
Superficie alare32,3 (348 ft²)[1]
Peso a vuoto2 419 kg (5 322 lb)
Peso carico3 409 kg (7 500 lb)
Propulsione
Motore2 radiali Armstrong Siddeley Cheetah
Potenza350 hp (261 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max309 km/h (192 mph, 167 kt) a 2 440 m (8 000 ft)
Velocità di salita6,8 m/s (1 340 ft/min)
Autonomia5 h 30 min
Tangenza7 180 m (23 550 ft)
Armamento
Mitragliatriciuna Vickers K calibro 0.303 in (7.7 mm) in una torretta dorsale
Bombe6 da addestramento da 5 kg (11.5 lb) su attacchi esterni

i dati sono estratti da Flight, articolo "Modern Trainer"[2] integrati dove indicato

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Airspeed AS.10 Oxford era un bimotore da addestramento ad ala bassa prodotto dall'azienda britannica Airspeed Ltd nella seconda parte degli anni trenta.

Sviluppato dall'Airspeed Envoy destinato all'impiego civile, entrambi i velivoli vennero utilizzati, all'epoca della seconda guerra mondiale, per l'istruzione al volo nelle scuole di pilotaggio del Regno Unito e del Commonwealth. In particolare, l'aereo prese questo nome in memoria del pioniere pilota Amy Johnson, il quale perse la vita a Oxford, dopo essere precipitato con il suo aereo alla foce del Tamigi nel gennaio del 1941.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

(lista parziale)

Australia Australia
Belgio Belgio
bandiera Birmania
Canada Canada
Cecoslovacchia Cecoslovacchia
operò con un solo esemplare, in servizio dal 1945 al 1948.
Ceylon Ceylon
Congo Belga Congo Belga

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Thetford 1957, pp. 18–19.
  2. ^ Flight 30 June 1938, p. 630.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Bridgman, Leonard. Jane's Fighting Aircraft of World War II. New York: Crescent Books, 1988. ISBN 0-517-67964-7.
  • (EN) Flintham, V. (1990). Air Wars and Aircraft: a detailed record of air combat, 1945 to the present. London: Arms and Armour. ISBN 0-85368-779-X.
  • (EN) Gunston, Bill. Classic World War II Aircraft Cutaways. London: Osprey, 1995. ISBN 1-85532-526-8.
  • (EN) Hamlin, John F. The Oxford, Consul & Envoy File. Tunbridge Wells, Kent, UK: Air-Britain (Historians) Ltd., 2001. ISBN 0-85130-289-0.
  • (EN) Pacco, John. "Airspeed Oxford Mk.I" Belgisch Leger/Armee Belge: Het militair Vliegwezen/l'Aeronautique militaire 1930-1940. Artselaar, Belgium, 2003, p. 89. ISBN 90-801136-6-2.
  • (EN) Rawlings, John D.R. "The Airspeed Oxford". Aircraft in Profile, Volume 11. Windsor, Berkshire, UK: Profile Publications Ltd., 1971.
  • (EN) Thetford, Owen. Aircraft of the Royal Air Force 1918–57. London: Putnam, 1957.
  • (EN) Wilson, Stewart. Aircraft of WWII. Fyshwick, ACT, Australia: Aerospace Publications Pty Ltd., 1998. ISBN 1-875671-35-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]