Adriano Teso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adriano Teso
IVM Adriano Teso.jpg

Sottosegretario di Stato del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale
Durata mandato 10 maggio 1994 –
17 gennaio 1995
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Luciano Azzolini
Successore Antonio Pizzinato

Adriano Teso (Bergamo, 1º ottobre 1945) è un imprenditore e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una breve esperienza nelle aziende famigliari e una formazione in scuole di management, nel 1970 ha partecipato alla fondazione della IVM, azienda poi gruppo produttore di vernici per legno, elastomeri per pelli sintetiche e resine e di cui è presidente.

Ha diretto importanti centri studi di politica economica e sociale di area liberale, svolgendo attività nelle Associazioni di categoria e ricoprendo, fin da giovane, importanti cariche in Confindustria, Federchimica, Assolombarda[evasivo], oltre ad essere membro del Consiglio Direttivo della Camera di commercio italo-cinese.

Con altri imprenditori, nel 1984 diventa editore del mensile Pagina diretto da Ernesto Galli della Loggia insieme a Giampiero Mughini, Paolo Mieli, Riccardo Chiaberge e Massimo Fini. Ha partecipato inoltre allo sviluppo di diverse attività imprenditoriali (navi petroliere e materie prime chimiche)[evasivo].

Nel 1993 è candidato sindaco a Milano per il raggruppamento liberale-repubblicano-Segni-riformatori. Nel 1994 fonda il Polo Liberal Democratico, col quale viene eletto in Parlamento per la XII Legislatura, confluendo poi in Forza Italia, di cui diviene anche responsabile per lo Sviluppo Economico. Nella stessa legislatura è stato Sottosegretario di Stato per il Lavoro e la Previdenza Sociale.

Ha partecipato anche allo sviluppo e alla direzione della Fondazione Liberal, è stato tra i fondatori dell'Istituto Bruno Leoni e presidente del Centro di studi liberali. Ha collaborato alla fondazione del PDL-Popolo della Libertà ed è membro del consiglio direttivo di Libertates (Charles Bukowski).