Adiantum capillus-veneris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Capelvenere
Illustration Adiantum capillus-veneris0.jpg
Adiantum capillus-veneris
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pteridophyta
Classe Pteridopsida
Ordine Pteridales
Famiglia Adiantaceae
Genere Adiantum
Specie A. capillus-veneris
Nomenclatura binomiale
Adiantum capillus-veneris
L., 1753
Nomi comuni

Capelvenere

Il capelvenere (Adiantum capillus-veneris L., 1753) è una felce della famiglia delle Adiantaceae.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Particolare delle foglie.

Portamento[modifica | modifica wikitesto]

È una pianta alta 10-40 centimetri, geofita rizomatosa. Il rizoma è strisciante e di colore bruno-nero.

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le fronde sono leggere e delicate: a questa caratteristica si deve il riferimento alla chioma di Venere, dea della bellezza. Le foglie sono cuneiformi, lunghe 5-10 millimetri, di colore verde tenue, e si inseriscono su un sottile rachide nero e lucente.

Spore[modifica | modifica wikitesto]

Le spore sono prodotte in strutture specializzate, chiamate sori, poste sul lato inferiore delle foglie e ricoperti da una membrana chiamata indusio. Le spore vengono rilasciate nel periodo compreso tra luglio e settembre.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il tipico habitat del capelvenere
Parco dei Nebrodi

È una specie subcosmopolita, diffusa in Europa, Africa, Nord America[1] e America Centrale.

Il suo habitat naturale è rappresentato dai luoghi ombrosi e umidi.
Predilige i terreni calcarei vicino alle cascate, all'imboccatura delle grotte, nei pozzi. Vegeta a quote comprese tra 0 e 1.500 metri.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Spesso coltivata per la bellezza delle sue foglie, è una pianta molto delicata ed esigente. Come tutte le felci richiede luce diffusa e non ama i raggi diretti del sole. Le annaffiature dovranno essere abbondanti in estate, più limitate durante il periodo invernale, in misura sufficiente a mantenere il terreno costantemente umido. Si riproduce per suddivisione dei cespi.

Riferimenti culturali[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

La sua predilezione per i luoghi poco luminosi l'ha portata ad essere consacrata a Plutone.
Nella mitologia è una pianta legata alle ninfe delle acque. Teocrito racconta che la pianta si trovava, tra altre, presso la fonte ove Hylas, uno degli Argonauti, si recò per cercare l'acqua per la sua nave. Vi è anche un mito legato alla ninfa Driope. La ninfa si innamora di un ragazzo e lo rapisce in una grotta subacquea, nelle cui vicinanze cresce una pianta di Capelvenere.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Pavese nei suoi libri parla molto del Capelvenere, in quanto lo ritrovava spesso nelle grotte delle Langhe. Gabriele D'Annunzio scrive nella poesia Il Fanciullo di Alcyone: E se gli occhi tuoi cesii han neri cigli, ha neri gambi il verde capelvenere. Hermann Hesse nel romanzo Il giuoco delle perle di vetro: "Dasa obbedì di corsa e aveva in cuore l'idea del commiato poiché era l'ultima volta che scendeva alla fonte, l'ultima volta che portava la ciotola leggera dall'orlo liscio e consunto a quel breve specchio d'acqua nel quale si riflettevano il capelvenere, la volta delle fronde, e in alcuni punti luminosi l'azzuro del cielo".[2]

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Il Capelvenere è stato usato, nei secoli scorsi, come sostitutivo del tè, soprattutto in Piemonte da cui il sostantivo piemontese "Capilèr", arrivato a identificare in generale qualsiasi infuso fatto con erbe aromatiche[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Distribuzione della specie in America settentrionale, su plants.usda.gov. URL consultato il 19 dicembre 2009.
  2. ^ Hermann Hesse, Il giuoco delle perle di vetro, Milano, Mondadori, 2015, p. 476, ISBN 978-88-04-48781-4.
  3. ^ Luciano Gibelli, Dnans ch'a fassa neuit - Prima che scenda il buio. Attrezzi, oggetti e cose del passato raccolti per non dimenticare, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2004, p. 566, ISBN 978-88-8068-113-7.
    «Rimpiassant del tè».

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica