Acinesia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il termine acinesia o ipoacinesia, a seconda della disciplina medica di riferimento, prende diversi significati, tutti riferiti comunque ad una diminuzione notevole dei movimenti, di un muscolo o dell'intero corpo, arrivando spesso alla paralisi vera e propria.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola acinesia deriva dal greco ed è composta da: a (un prefisso che significa "privo") e cinesia (κίνηση) che significa invece "movimento", dando quindi il significato globale di privo di movimento.

Discipline mediche[modifica | modifica wikitesto]

  • In cardiologia: con il termine acinesia ci si riferisce all'assenza di motilità nelle pareti miocardiche colpite da infarto miocardico pregresso, che abbia comportato una perdita di muscolo cardiaco importante.
  • In farmacologia: viene chiamato acinesia l'effetto provocato dalla procaina. Questa molecola viene iniettata nel sangue (somministrazione tramite endovena), provocando una paralisi ad effetto temporaneo nei muscoli.
  • In neurologia: il termine acinesia è frequentemente utilizzato nel campo neurologico ed è la riduzione della mobilità autonoma che inizia dagli arti per poi estendersi a tutto il sistema motorio, in pratica è un segno, un qualcosa che il paziente mostra e che è indice di patologia. In tal caso la persona mostra una anormale lentezza nei movimenti, tipica soprattutto per quanto riguarda il malattia di Parkinson. Esiste una forma particolare di tale manifestazione chiamata mutismo acinetico, dove vi sono due fattori concomitanti: assenza di linguaggio e assenza di movimento.
  • In psichiatria: nel gergo psichiatrico si incorre in tale termine per intendere una paralisi di tipo isterico.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby's medical, nursing, & Allied Health Dictionary - sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina