Acantholycosa khakassica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Acantholycosa khakassica
Immagine di Acantholycosa khakassica mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Lycosoidea
Famiglia Lycosidae
Sottofamiglia Pardosinae
Genere Acantholycosa
Specie A. khakassica
Nomenclatura binomiale
Acantholycosa khakassica
Marusik, Azarkina & Koponen, 2004

Acantholycosa khakassica Marusik, Azarkina & Koponen, 2004 è un ragno appartenente alla famiglia Lycosidae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della specie deriva dalla zona di rinvenimento: la repubblica della federazione russa della Khakassia[1].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'olotipo maschile rinvenuto ha lunghezza totale è di 8,50-9,20mm; la lunghezza del cefalotorace è di 3,90-4,20mm; e la larghezza è di 3,00-3,30mm[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La specie è stata reperita nella Russia centrale: l'olotipo maschile è stato rinvenuto 20 chilometri a sudsudest di Mrassu, nei Monti Abakan, nel sudovest della Khakassia[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Appartiene al khakassica-group, le cui caratteristiche peculiari sono: l'embolus possiede nella parte centrale un'escrescenza biforcuta ed una punta sottile rastremata[1].

Al 2016 non sono note sottospecie e dal 2004 non sono stati esaminati nuovi esemplari[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e A survey of east Palearctic Lycosidae (Aranei). II. Genus Acantholycosa F. Dahl, 1908

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marusik, Y.M., Azarkina, G.N. & Koponen, S., 2004 - A survey of east Palearctic Lycosidae (Aranei). II. Genus Acantholycosa F. Dahl, 1908 and related new genera. Arthropoda Selecta vol.12, pp.101-148 PDF (pag.119)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi