Abbazia di Metten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Abbazia di Metten
Klosterkirche St. Michael in Metten.JPG
La chiesa abbaziale di San Michele
StatoGermania Germania
LandBaviera
LocalitàMetten
IndirizzoAbteistraße 3,Abteistraße 6
Coordinate48°51′18.39″N 12°55′03.51″E / 48.855108°N 12.917642°E48.855108; 12.917642
Religionecattolica di rito romano
OrdineCongregazione benedettina di Baviera
Diocesi Ratisbona
Inizio costruzione766?
Sito webwww.kloster-metten.de/

L'abbazia di Metten si trova nell'omonimo paese situato lungo il Danubio, in diocesi di Ratisbona, e appartiene alla congregazione benedettina di Baviera.

L'abbazia[modifica | modifica wikitesto]

L'abbazia fu eretta dal monaco Utto grazie a un lascito del sacerdote Gamelberto. La sua origine viene tradizionalmente fatta risalire all'anno 766. La fondazione monastica era indipendente dall'ordinario del luogo e dai patroni laici secondo la regola mista di San Colombano e san Benedetto, fino alla riforma generale benedettina di Benedetto d'Aniane. I primi monaci provenivano probabilmente dall'abbazia di Reichenau. La fondazione ufficiale avviene nel 792 per volere dell'imperatore Carlo Magno.[1]

L'abbazia sorge, in posizione scenografica, su uno sperone roccioso. La chiesa abbaziale di Sankt Michael, la sala delle feste e la biblioteca sono stati realizzati dopo le devastazioni della Guerra dei Trent'anni nella prima metà del 1700, sotto l'abate Roman Märkl.[2] Nel 1803 l'abbazia di Metten è stata secolarizzata ma già nel 1830, grazie al re Ludovico I, i benedettini ne ripresero possesso.

Fu un monaco di Metten, Bonifacio Wimmer, a fondare nel 1846 il primo monastero benedettino degli Stati Uniti d'America: l'abbazia di Latrobe, dedicata a san Vincenzo de' Paoli.[3]

La biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

L'antica biblioteca, una delle più belle espressioni dell'arte barocca e rococò in Baviera, contiene circa 200.000 volumi, tra cui 200 incunaboli. Collocata in un ambiente di rara bellezza, con volte affrescate, possenti mobili intagliati, ed una serie di pilastri a forma di cariatide. È stata ulteriormente ampliata nel 2009.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Geschichtlicher Abriss, su kloster-metten.de. URL consultato il 14 marzo 2016.
  2. ^ Guida della Baviera, Metten, su tuttabaviera.com. URL consultato il 12 ottobre 2021 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2019).
  3. ^ Josef Guter, I monasteri cristiani, Roma 2008, p. 204, su books.google.it. URL consultato il 14 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN124810424 · ISNI (EN0000 0001 0657 2606 · LCCN (ENno95015774 · GND (DE1012970-4 · WorldCat Identities (ENlccn-no95015774