1C Company

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1C Company
Logo
StatoRussia Russia
Fondazione1991
Sede principaleMosca
Persone chiaveBoris Nuraliev (Presidente)
ProdottiSoftware, Videogiochi
Dipendenti550
Sito web

1C Company (in russo: Фирма "1С") è una delle più grandi aziende di sviluppo e pubblicazione software russe.[1] La sede è a Mosca ed è stata fondata nel 1991.[2] Fuori dall'ex Unione Sovietica è conosciuta soprattutto come azienda sviluppatrice di videogiochi; nel mercato interno alla Russia la 1C è leader nella commercializzazione di software. Con la suite di programmi per il lavoro (1C:Предприятие, 1C:Predpriyatiye, 1C:Enterprise) la 1C ha dominato il mercato. La 1C è leader anche nella localizzazione e pubblicazione di versioni in lingua russa di software internazionali. Ad esempio, molti dei popolari videogiochi occidentali, tra cui quelli della Microsoft Games Studios e della Electronic Arts, sono licenziati e pubblicati dalla 1C.[3]

Nel febbraio 2008 si è fusa con la Soft Club, un'altra azienda distributrice e produttrice di videogiochi.[4]

Software gestionali per aziende (1c: Enterprise)[modifica | modifica wikitesto]

La piattaforma 1C: Enterprise[5], lanciata nel 1995, è leader del mercato in Russia e nei Paesi CSI e negli ultimi anni ha cominciato ad essere commercializzata anche negli USA e negli altri Paesi Occidentali anche grazie allo sviluppo della rete 1C: Developer Network[6]. Si tratta di una suite di programmi per il lavoro arrivata ormai alla versione 8.3 che includono ERP, CRM, SRM, MRP, contabilità, gestione finanziaria, payroll&HR, gestione di documenti, contatti, inventario, Web Client e molto altro (si contano oltre 1 000 applicazioni). La suite è utilizzata da oltre 1 milione di società nel mondo[7]. Dal 2018 la suite è commercializzata anche in Italia[8] dalla società 1C Erp [1].

Il grosso vantaggio della piattaforma 1C:Enterprise è la sua flessibilità ed il fatto che permette anche ai partners di 1C, a sviluppatori indipendenti, installatori e agli stessi clienti di personalizzarla per rispondere alle proprie esigenze e creare le proprie applicazioni.

1C resta una delle prime aziende private russe premiate con il Premio del Governo della Federazione Russa per le Scienze nel 2002 per lo sviluppo e l'implementazione di 1C Enterprise.

1C è anche sviluppatrice e distributrice di popolari applicazioni di altre compagnie russe come Kaspersky Lab, ABBYY, Promt ed altre.

Software per l'intrattenimento[modifica | modifica wikitesto]

1C è probabilmente conosciuta in occidente soprattutto per la famosa linea di simulatori di volo IL-2 Sturmovik che include Forgotten Battles e Pacific Fighters. La 1C ha anche sviluppato la serie Theatre of War,[2] ambientata durante la seconda guerra mondiale e la guerra di Corea e distribuito in occidente da Battlefront.com. La 1C ha una lunga storia come sviluppatrice in ambito aziendale, così come nel finanziamento di sviluppatori indipendenti.[9] Altri famosi giochi sviluppati dalla 1C o finanziati sono Pirates of the Caribbean, King's Bounty: The Legend, La prima guerra mondiale (World War I) e la serie Space Rangers. È stato annunciato che alcuni dei vecchi giochi verranno ripubblicati da Atari su console Nintendo. In futuro la compagnia pubblicherà Cryostasis: Sleep of Reason.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 1C Company releases, Eurogamer Network, 15 giugno 2009. URL consultato l'11 luglio 2009.
  2. ^ a b (EN) 1C Company Profile, 1C Publishing EU. URL consultato l'11 luglio 2009.
  3. ^ 1C Company - Overview, http://www.mobygames.com mobygames.com. URL consultato l'11 luglio 2009.
  4. ^ (RU) Joint press-release of «1C» and «Soft Club» 24 febbraio 2009
  5. ^ What is 1C:Enterprise?, su 1c-dn.com. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  6. ^ About the 1C:Developer Network, su 1c-dn.com. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  7. ^ Фирма «1С» / English, su 1c.ru. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  8. ^ 1C: Italia, su 1c-erp.it.
  9. ^ (EN) 1C Company, su games.ign.com. URL consultato l'11 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2009).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN156239674 · BNF (FRcb145534620 (data)