Škoda vz. 1909

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Škoda Maschinengewehr M1909
Škoda nehéz géppuska C/09
Tipomitragliatrice media
OrigineAustria-Ungheria Austria-Ungheria
Impiego
UtilizzatoriAustria-Ungheriak.u.k. Armee
ConflittiPrima guerra mondiale
Produzione
ProgettistaGeorg von Dormus e Francesco Salvatore d'Asburgo-Lorena
Data progettazione1909
CostruttoreŠkoda
Entrata in servizio1909
Ritiro dal servizio1918
VariantiM1913
Descrizione
Peso41,4 kg (arma e treppiede)
Lunghezza945 mm
Lunghezza canna530 mm
Calibro8 mm
Munizioni8 × 50 mm R Mannlicher
Azionamentomassa battente con ritardo di apertura
Cadenza di tiro425 colpi/min
Alimentazionenastri da 250 colpi
Sviluppata daSalvator-Dormus M1893
voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La Škoda vz. 1909 era una mitragliatrice media austro-ungarica, evoluzione della Salvator-Dormus M1893, prodotta dalla cecoslovacca Škoda negli stabilimenti di Plzeň. Trovò limitato impiego durante la prima guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il maggiore dell'Imperial regio Esercito austro-ungarico Georg von Dormus e l'Arciduca d'Austria Francesco Salvatore d'Asburgo-Lorena brevettarono nel 1888 una nuova mitragliatrice azionata a massa battente con ritardo di apertura, conosciuta come Salvator-Dormus M1893. Venne adottata come arma da fortezza dal k.u.k. Armee, con la denominazione Škoda Maschinengewehr M1893 (Mitrailleuse), e nel 1894 dalla k.u.k. Kriegsmarine[1][2]. A questa seguì la versione raffreddata ad acqua e alimentata a nastro M1902.

Per competere con la mitragliatrice Schwarzlose, adottata dalla Duplice Monarchia nel 1905, la Škoda riprogettò completamente la sua mitragliatrice. La nuova Škoda Maschinengewehr M1909 non riuscì ad imporsi sulla concorrente e venne acquisita solo in piccoli numeri, ma venne comunque impiegata durante la prima guerra mondiale.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Salvator-Dormus M1893.

L'arma, con canna fissa, era azionata da un meccanismo a massa battente, modificato rispetto all'originale, con ritardo di apertura basato su un sistema a blocchi oscillanti e su una grossa molla di recupero inserita in un tubo nella parte posteriore del castello. Un oliatore per le cartucce consentiva una cadenza di tiro di 425 colpi al minuto. Il riduttore di tiro fu eliminato. Il sistema di alimentazione, migliorato rispetto all'originaria tramoggia a gravità ma comunque problematico, impiegava nastri da 250 colpi, che entravano da una finestra di alimentazione sulla sinistra del castello e fuoriusciva da una finestra di espulsione superiore[1].

M1913[modifica | modifica wikitesto]

L'ultima evoluzione della mitragliatrice Salvator-Dormus fu la versione "Škoda Maschinengewehr M1913". L'arma ricevette un sistema di alimentazione migliorato e un nuovo basso affusto a treppiede scudato. Tuttavia questa mitragliatrice Škoda non riuscì a competere con la Schwarzlose. Venne acquisita in pochi esemplari per le truppe di riserva, che tuttavia la impiegarono nella prima guerra mondiale[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fowler, W., Sweeny, P. The World Encyclopedia of Rifles and Machine Guns, JG Press, (2007, 2011)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]