Vito Marcantonio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vito Marcantonio

Membro della Camera dei Rappresentanti - New York, distretto n.18
Durata mandato 3 gennaio 1945 - 3 gennaio 1951
Predecessore Martin J. Kennedy
Successore James G. Donovan

Membro della Camera dei Rappresentanti - New York, distretto n.20
Durata mandato 3 gennaio 1935 - 3 gennaio 1937
3 gennaio 1939 - 3 gennaio 1945
Predecessore James J. Lanzetta
Successore Sol Bloom

Dati generali
Partito politico Repubblicano, Partito Laburista Americano

Vito Marcantonio (New York, 10 dicembre 1902New York, 9 agosto 1954) è stato un politico e avvocato italoamericano.

Laureatosi in legge alla New York University ha rappresentato al Congresso i cittadini di East Harlem, New York per 14 anni tra il 1934 e 1950.

A quei tempi East Harlem era chiamata Italian Harlem essendo la presenza italiana nel quartiere preponderante. Marcantonio è nato ed ha vissuto quasi tutta la sua vita nel quartiere e vi era intimamente legato. Marcantonio era attivo nel quartiere come organizzatore e come insegnante nelle classi di naturalizzazione offerte dalla Haarlem House.

Quando nel 1922 Fiorello La Guardia decise di candidarsi alla Camera dei Rappresentanti come candidato di East Harlem scelse Vito Marcantonio come suo aiutante per la campagna elettorale. Quando poi Fiorello La Guardia decise di dimettersi da deputato per candidarsi a sindaco della città di New York, Vito Marcantonio lo sostituì come deputato.

Eletto al Congresso prima nelle file del Partito Repubblicano e poi in quelle dell'American Labor Party, Marcantonio come deputato radicale ha lottato per i diritti civili e per i diritti dei lavoratori, dei poveri e di tutti gli esclusi. È stato un paladino della causa degli italoamericani e ha sostenuto l’indipendenza di Porto Rico (tra l'altro difendendo come avvocato il leader nazionalista portoricano Pedro Albizu Campos).

Dopo la sconfitta alla campagna elettorale per sindaco e per il ritorno alla Camera, Marcantonio continuò a praticare la sua professione di avvocato che gli aveva permesso in larga parte di finanziare le sue campagne elettorali.

La scuola intitolata a Vito Marcantonio, Harlem

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vito Marcantonio. "I Vote My Conscience": Debates, Speeches and Writings of Vito Marcantonio - scritti e discorsi selezionati da Annette T. Rubinstein and Associates - The Vito Marcantonio Memorial - New York, 1956
  • Alan Schaffer - Vito Marcantonio, Radical in Congress - Syracuse University Press - Syracuse, 1966
  • Gerald Meyer - Vito Marcantonio: Radical Politician, 1902-1954 - State University of New York - Albany, 1989

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64806327 LCCN: n88623418

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie