Velato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine velato (equivalente delle espressioni idiomatiche inglesi closeted e in the closet, chiuso nell'armadio) descrive persone lesbiche, gay, bisessuali e Transgender (LGBT) che non hanno comunicato apertamente il proprio orientamento sessuale.

I motivi per cui una persona preferisce non manifestare il proprio orientamento possono essere molteplici, molto spesso collegati al contesto sociale di appartenenza o di riferimento. Tipicamente, si tratta di una scelta dettata da condizionamenti dovuti a fattori esterni o a fattori di carattere individuale.

Tra i fattori esterni, possono rientrare il vivere in un contesto sostanzialmente omofobo o comunque ostile alle differenze di orientamento sessuale; il timore che la rivelazione del proprio orientamento possa avere ripercussioni negative nell'ambito lavorativo o professionale; l'essere coinvolto in una relazione sentimentale o matrimoniale in conflitto con il proprio orientamento; il trovarsi in una posizione per cui l'espressione del proprio orientamento sessuale sia in conflitto aperto con il ruolo sociale ricoperto.[1]

Tra i fattori di carattere individuale, possono rientrare la difficoltà ad auto-accettarsi, fino al caso estremo dell'auto-negazione, o il timore di non essere accettati o essere respinti dagli affetti più vicini (familiari e amici).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Margherita Graglia, Omofobia: influenza nella costruzione dell'identità personale e omofobia interiorizzata in Marco Michelucci (a cura di), Accoglienza inclusiva: volontariato a confronto con omosessualità e transessualismo, Cesvot, 2009, pp. 45-55. URL consultato il 3 febbraio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

LGBT Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT