Varilux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Varilux è un marchio di proprietà di Essilor International, leader mondiale nel settore delle lenti correttive. È utilizzato per designare la prima lente progressiva inventata da Bernard Maitenaz per la correzione della presbiopia. La lente Varilux permette di vedere da vicino, a distanza intermedia e da lontano. La prima versione della lente è stata concepita nel 1959.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'idea[modifica | modifica sorgente]

Seguendo le orme del padre e del nonno, nel 1948 Bernard Maitenaz entra nella Société des Lunetiers (poi divenuta Essel ed ora Essilor) come ricercatore, dopo aver conseguito i diplomi dellÉcole Nationale Supérieure des Arts et Métiers e dellInstitut d'Optique[1].

L'idea della lente progressiva gli viene provando le lenti bifocali del padre. La brusca transizione di potere delle lenti bifocali gli sembrava innaturale ed egli ritenne più razionale ipotizzare una lente che correggesse la visione da lontano nella parte superiore della lente, la visione intermedia nella parte centrale e la visione da vicino nella parte inferiore.

Il 2 marzo 1951 Bernard Maitenaz deposita presso l'Istituto Nazionale della proprietà industriale francese, una busta contenente quattro disegni e i dati meccanici[2] che avrebbero permesso la produzione delle moderne lenti progressive. Il 25 novembre 1953, Essel deposita un primo brevetto dell’invenzione di Maitenaz[3].

La prima lente progressiva[modifica | modifica sorgente]

Dopo i brevetti e i calcoli, la lente progressiva appare possibile dal punto di vista teorico, ma deve essere ancora prodotta. Maitenaz e il suo team iniziano a sperimentare varie tecniche e nel 1958 Essel ha già sviluppato macchinari in grado di effettuare una produzione “in massa” delle lenti progressive.

I test condotti su 46 persone nel gennaio 1959 generano 5 risposte eccellenti, 29 risposte buone, 2 risposte medie e 10 risposte mediocri[4].

Il marchio Varilux[modifica | modifica sorgente]

Con l'avvicinarsi del lancio del prodotto, furono elaborate varie strategie di prezzo. Alla fine, l'invenzione di Maitenaz trova la sua posizione tra la lente bifocale di Essel, la Diachrolux e la sua lente trifocale, la Trilux. Alla lente progressiva di Maitenaz viene dato il nome Varilux[5]. Nel maggio 1959, la lente debutta ufficialmente all'Hotel Lutetia di Parigi, Francia.

Interesse internazionale[modifica | modifica sorgente]

Dopo il lancio di Varilux, Essel definisce un piano di commercializzare la lente al di fuori della Francia. Grazie a numerose collaborazioni e accordi di distribuzione, negli anni '60 la progressiva Varilux incomincia ad essere distribuita in vari paesi, compresa l'Olanda, la Germania, la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, il Canada, il Brasile e il Giappone.

Dalle 6 000 lenti vendute nel 1959 ai 2 000 000 del 1969[6], Varilux diventa un prodotto di successo, anche se il mercato nutre ancora dei timori in merito ai tempi di adattamento alla lente. Nel tentativo di migliorare ulteriormente l'invenzione originale mediante nuove tecnologie e nuovi calcoli, Maitenaz e il suo team si impegnavano nella progettazione di una lente progressiva con meno aberrazioni e un livello di comfort più elevato.

Varilux 2[modifica | modifica sorgente]

All'inizio del 1969, il mercato francese delle lenti oftalmiche è dominato da due società: Essel e Silor. Nonostante le grandi innovazioni su cui entrambe possono contare (Essel con Varilux e Silor con il materiale organico Orma 1000), le due società non sono le protagoniste sul mercato mondiale. Il 1º gennaio 1972, Essel e Silor si fondano formando Essilor[7].

La nuova società risultante dalla fusione, Essilor, lancia Varilux 2 in Europa[8], adottando un disegno più evoluto su una lente più leggera che offre un maggiore comfort complessivo. Il risultato viene considerato un miglioramento sostanziale del prodotto originario.

Una nuova generazione di Varilux[modifica | modifica sorgente]

Mentre nuove tecnologie e processi produttivi si sviluppano, Essilor continua ad impegnarsi nella ricerca relativa a Varilux. Nel 1988, con Varilux Multi-Design, VMD[9], arrivano finalmente i risultati auspicati. Alla fine del decennio, Essilor diventa così leader mondiale nel settore dei prodotti ottici oftalmici[10]..

Nel 1993, si presenta sul mercato la Varilux Comfort che si afferma come la lente progressiva più venduta al mondo[11]. Le nuove tecniche di costruzione sviluppate da Essilor rendono l'adattamento molto più rapido rispetto alle precedenti lenti progressive, fornendo una visione confortevole in tutte le posture.

Nel XXI secolo infine, Essilor lancia Varilux Panamic (2000))[12], Varilux Ellipse (2004), Varilux Physio (2006)[13] e Varilux Ipseo (2008)[13].

Ricerca & sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il team di Ricerca e Sviluppo di Essilor comprende circa 500 ricercatori che lavorano in quattro centri ubicati in Francia, Giappone, Singapore e Stati Uniti.

Il team sviluppa mediamente 100 nuovi brevetti che ogni anno si aggiungono a una base di 2600 brevetti depositati.

Nel corso degli anni, Essilor costituisce inoltre una rete internazionale di partner, in particolare università, gruppi industriali e aziende di medie dimensioni, quali PPG Industries (creatori di Transitions) e Nikon.

Nel 2008, la lente Varilux Ipseo New Edition è progettata mediante il sistema di Realtà Virtuale di Essilor.

Metodo a ciclo diottrico[modifica | modifica sorgente]

Con il lancio di Varilux Comfort nel 1993, Essilor sviluppa il metodo a ciclo diottrico, rendendo possibile misurare la soddisfazione di chi porta gli occhiali. Il metodo, che prevede ripetizioni fino al raggiungimento soddisfacente di un risultato per il portatore delle lenti, comprende cinque fasi[14]:

  • acquisizione dei dati fisiologici del portatore
  • design ottico
  • creazione di lenti prototipo
  • controllo della misurazione
  • test clinici

Varilux Experience[15][modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 Essilor mette a punto Varilux Experience, un concetto di simulazione virtuale che sfrutta le varie soluzioni oftalmiche per la correzione della presbiopia.

Varilux Experience è una dimostrazione delle tecnologie utilizzate per produrre le lenti Varilux, abbastanza simili a quelle usate dai laboratori di ricerca, in modo da fornire un valido ausilio di comunicazione ai professionisti dell’ottica e ai portatori presbiti.

In un “teatro” dove viene proiettato un filmato 3D, gli spettatori che indossano lenti stereoscopiche polarizzate seguono un giovane presbite che, passo dopo passo, sperimenta la visione con lenti normali e bifocali, con lenti progressive standard e infine con lenti Varilux.

Il programma Varilux Experience è stato presentato in anteprima mondiale per festeggiare il 50º anniversario di Varilux, in occasione del SILMO, il salone dell’ottica, dal 30 ottobre al 2 novembre 2008 a Parigi – Port de Versailles e poi ospitato nel marzo 2009 alla Mido di Milano-Rho, la mostra più prestigiosa del settore.

Design Varilux[modifica | modifica sorgente]

1959: Varilux[modifica | modifica sorgente]

La prima lente progressiva denominata Varilux, ha consentito ai portatori presbiti una visione confortevole a qualsiasi distanza.

1972: Varilux 2[modifica | modifica sorgente]

La fusione di Essel e Silor (confluite in Essilor) rende possibile ulteriori innovazioni che caratterizzano Varilux 2, la lente che vanta un progresso significativo in termini di comfort e facilità di adattamento del portatore. Grazie ai miglioramenti nelle fasi e nei processi produttivi, la qualità delle lenti risulta ancor più elevata[16].

1988: Varilux Multi-Design[modifica | modifica sorgente]

Importante innovazione per gradi di correzione ancora più alti, Varilux Multi Design rende ha reso possibile conservare la portata del campo di visione da vicino indipendentemente dal grado di correzione.

1993: Varilux Comfort[modifica | modifica sorgente]

Una delle lenti Essilor più vendute, Varilux Comfort è stata oggetto di vari studi. Concepita tenendo conto di criteri ergonomici visivi del portatore, questa progressiva offre un adattamento più rapido ed un maggior comfort posturale[17].

2000: Varilux Panamic[modifica | modifica sorgente]

La lente Varilux Panamic si basava sul Global Design Management, una tecnologia che prendeva in gestione il parametro visivo centrale, periferico e binoculare per ottenere campi di visione più grandi e confermare un facile adattamento.[18]

2004: Varilux Ellipse[modifica | modifica sorgente]

La lente progressiva Varilux Ellipse consente ai presbiti di poter scegliere montature piccole mantenendo un ottimo comfort visivo.[19]

2006: Varilux Physio[modifica | modifica sorgente]

La lente progressiva Varilux Physio è caratterizzata da un miglioramento del 30% nel contrasto dei colori e da campi di visione più ampi. Le eccellenti caratteristiche sono dovute a un'innovazione brevettata, la tecnologia Twin RX, che associa un metodo per il calcolo dell'ottica delle lenti, Wavefront Management System di Essilor, a una processo di costruzione digitale all'avanguardia.[20] Con Varilux Physio F-360, la lente progressiva si veste dei parametri visivi del portatore.

2008: Varilux Ipseo New Edition[modifica | modifica sorgente]

Varilux Ipseo New Edition è la prima lente concepita e testata utilizzando un simulatore virtuale. La lente viene personalizzata in base al comportamento visivo del portatore, tenendo conto dei parametri ergonomici individuali. A tal fine vengono utilizzati specifici strumenti di misurazione, il Vision Print System o il Visioffice, che effettuano una rilevazione personale dei movimenti degli occhi e del capo[21].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le Roux 2008, p.16.
  2. ^ Le Roux 2008, p.17.
  3. ^ Le Roux 2008, p.29.
  4. ^ Le Roux 2008, p.49.
  5. ^ Le Roux 2008, p.51.
  6. ^ Le Roux 2008, p.58.
  7. ^ Le Roux 2008, p.108.
  8. ^ Le Roux 2008, p.111.
  9. ^ Le Roux 2008, p.168.
  10. ^ Le Roux 2008, p.146.
  11. ^ Le Roux 2008, p.163.
  12. ^ Le Roux 2008, p.169.
  13. ^ a b Le Roux 2008, p.171.
  14. ^ Kamen, Paddy. "Innovation Extraordinaire is Essilor". Vision Magazine. March-April 2004. July 1 2009. [1]
  15. ^ http://www.essilor.com/IMG/pdf/50thAnniversaryVarilux.pdf
  16. ^ Le Roux (2007)
  17. ^ http://www.varilux.com/Vision+Care+Professionals/Products/General/Varilux+Comfort/Introducing+Varilux+Comfort.htm
  18. ^ http://www.varilux.com/Vision+Care+Professionals/Products/General/Varilux+Panamic/Optimal+foveal+and+peripheral+vision+in+panoramic+fields.htm
  19. ^ http://consumers.varilux.com/media/pdf/20070323_Varilux_Ellipse_360_Launch.pdf
  20. ^ http://consumers.varilux.com/media/pdf/20070323_Physio_and_Contrast_Sensitivity.pdf
  21. ^ http://consumers.varilux.com/media/pdf/Varilux_Ipseo_Success.pdf

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]