U-859

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
U-859
Descrizione generale
War Ensign of Germany 1938-1945.svg
Tipo Tipo IX
In servizio con War Ensign of Germany 1938-1945.svg Kriegsmarine
Ordinata 5 giugno 1941
Impostata 15 maggio 1942
Varata 2 marzo 1943
Entrata in servizio 8 luglio 1943
Destino finale affondato il 23 settembre 1944 nei pressi di Penang dal sommergibile HMS Trenchant
Caratteristiche generali
Dislocamento 1.070 t
Dislocamento in immersione 1804 t
Dislocamento in emersione 1616 t
Lunghezza 87,60 m
Larghezza 7,50 m
Altezza 10,20 m
Pescaggio 5,40 m
Profondità operativa 230 m
Propulsione Superficie: due MAN M6V 40/46 da 6 cilindri per un totale di 3.200 hp
Velocità in immersione  6,9 kt nodi (12,95 km/h)
Velocità in emersione  19,2 kt nodi (35,6 km/h)
Autonomia 23.700 miglia a 12 kt (22,2 km/h) in superficie
57 miglia a 4 kt (7,41 km/h) in immersione
Equipaggio 55-63 uomini
Armamento
Siluri 24
Altro 48 mine e un cannone da 105 mm con 150 colpi

Fonti tratte da uboat.net[1][2]

voci di sommergibili presenti su Wikipedia

L'U-859 fu un sommergibile tedesco tipo IX-D2 al servizio della Kriegsmarine durante la seconda guerra mondiale. Partecipò alla battaglia dell'Atlantico e alla guerra del Pacifico e affondò un totale di tre navi, per un totale di 20.853 di tonnellaggio distrutto. Venne affondato il 23 settembre 1944 nello Stretto di Malacca dal sommergibile britannico HMS Trenchant.

Affondamenti[modifica | modifica sorgente]

Dati tratti da uboat.net[3]

Data Nome Tonnellaggio
26 aprile 1944 Flag of Panama.svg Colin 6.255
28 agosto 1944 Flag of the United States.svg John Barry 7.176
1 settembre 1944 British-Merchant-Navy-Ensign.png Troilus 7.422

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) U-859 - German U-boats of WWII in uboat.net. URL consultato il 5 novembre 2012.
  2. ^ (EN) Type IXD - U-boat Types - German U-boats of WWII - Kriegsmarine in uboat.net. URL consultato il 5 novembre 2012.
  3. ^ (EN) Ships hit by U-859 - U-boat Successes - German U-boats in uboat.net. URL consultato il 5 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]