The Dr. Oz Show

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Dr. Oz Show
Logo del programma The Dr. Oz Show
Anno 2009 – in corso
Genere talk show
Durata 45 min
Presentatore Mehmet Öz
Rete LA7d (Italia)
Fox Life (Italia)
Sito web www.doctoroz.com

The Dr. Oz Show è un programma televisivo statunitense dedicato alla medicina, in onda dal 2009. È presentato da Mehmet Öz, chirurgo cardiotoracico e insegnante alla Columbia University di New York, diventato famoso in seguito alle sue frequenti apparizioni al The Oprah Winfrey Show.

Ha debuttato, negli Stati Uniti, il 14 settembre 2009[1]. In Italia The Dr. Oz Show ha debuttato in chiaro su LA7d[2] l'11 luglio 2010, e il 29 settembre successivo su Fox Life[3], canale tematico di Sky Italia.

Programma[modifica | modifica wikitesto]

Lo show è prodotto da Harpo Productions e Sony Pictures Television, e viene registrato nello studio 6A degli NBC Studios di New York[4]. Nasce come spin-off del più celebre The Oprah Winfrey Show; dopo Dr. Phil, è la seconda volta che viene creato un nuovo programma incentrato su di un ospite regolare di Oprah Winfrey.

Ogni puntata si suddivide in varie parti ben stabilite:

  • la prima parte parla di un problema grave causato da qualcosa di comune (quasi sempre);
  • la seconda parla dei modi in cui prevenire i problemi della prima;
  • la terza di una persona con un progetto (ad esempio dimagrire) che viene aiutata dal Dr Öz;
  • la quarta è il Ask Dr. Oz ("chiedi al Dr. Oz") nella quale gli spettatori pongono direttamente delle domande;
  • la quinta parla di metodi semplici ed efficaci per dimagrire.

La puntata intitolata The Science of Intersex è stata candidata per il GLAAD Media Award nella categoria Miglior episodio talk show[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lo Spettacolo - Televisione
  2. ^ La7d: ''The Dr. Oz Show'' da oggi in esclusiva in chiaro per l'Italia - Digital-Sat Magazine
  3. ^ » Sat News #154 – Settembre 2010 – I canali di intrattenimento del gruppo Fox Antonio Genna Blog
  4. ^ Dr. Oz TV Show | Dr. Oz Tickets
  5. ^ Nominees | GLAAD

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]