Temperamenti Werckmeister

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andreas Werckmeister, frontespizio dell'edizione del 1698 dell'Orgel Probe.

Con temperamenti Werckmeister ci si riferisce ad alcuni metodi di accordatura ideati da Andreas Werckmeister e descritti nel trattato Orgel Probe.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Alla ricerca di una soluzione pratica ai limiti del temperamento mesotonico, nel 1691 Andreas Werckmeister scoprì che un'accordatura ciclica contenente cinque quinte mesotoniche e sette quinte giuste (ossia pitagoriche) chiude quasi perfettamente il circolo delle quinte, e, pertanto, elimina la sgradevole quinta del lupo, permettendo di suonare in tutte le tonalità. Di questo sistema furono introdotte numerose varianti, note come buoni temperamenti o temperamenti inequabili.

Esistono due modi per catalogare questi temperamenti: il primo si riferisce all'ordine nel quale vennero presentati come buoni temperamenti nel trattato di Werckmeister, mentre il secondo, fra parentesi, si riferisce al loro ordine sul monocordo. L'ordine sul monocordo inizia dal Werckmeister III, in quanto solo l'intonazione è catalogata I, mentre il mesotonico a quarto di comma è catalogato II.

I temperamenti[modifica | modifica sorgente]

Di seguito, i quattro temperamenti Werckmeister. I due più conosciuti sono il I (III) e il II (IV), utilizzati sia da numerosi strumenti d'epoca che da copie di strumenti antichi.

Werckmeister I (III)[modifica | modifica sorgente]

Nel primo temperamento, il Werckmeister I (III), il comma pitagorico viene diviso a 1/4 sulle quinte Do-Sol, Sol-Re, Re-La e Si-Fa♯. Le quinte interessate da questo sistema di accordatura non sono consecutive, in quanto la quarta viene trasposta verso l'alto di un tono. In questo modo si ottiene la modifica di diverse terze, sia maggiori che minori, per migliorare le terze cromatiche fino ad allora insuonabili (Mi-Sol♯, Re-Fa♯, Fa-La, eccetera). Le quinte pure diventano otto quinte su dodici.

Werckmeister II (IV)[modifica | modifica sorgente]

Nel secondo temperamento, il Werckmeister II (IV), il comma pitagorico è diviso a 1/3 e il temperamento è su quinte alternate, cioè accordando Do-Sol, Re-La, Mi-Si, Fa♯-Do♯ e Si♭-Fa a 1/3 di comma in meno e le quinte Sol♯-Re♯ e Mi♭-Si♭ a 1/3 di comma in più. Le altre quinte, nove su dodici, sono pure.

Werckmeister III (V)[modifica | modifica sorgente]

Nel terzo temperamento, il Werckmeister III (V), il comma è suddiviso a 1/4 nelle quinte Re-La, La-Mi, Fa♯-Do♯, Do♯-Sol♯ e Fa-Do. Le altre quinte sono pure.

Werckmeister IV (VI)[modifica | modifica sorgente]

Il quarto temperamento, il Werckmeister IV (VI), presuppone la suddivisione del monocordo in 196 parti uguali. Werckmeister stesso fornì anche una versione con suddivisione in 147 parti. Un problema, in questo tipo di accordatura, è dato dal valore del Re (o La, nell'altra versione), stabilito a 176. Questo produce un effetto sgradevole in quanto la quinta Sol-Re risulta troppo abbassata, più di mezzo comma. La terza Si♭-Re dovrebbe essere pura, ma Re-Fa♯ è circa un comma più alta. Probabilmente, il numero 176 è un errore, in quanto l'accordatura funziona se si divide il monocordo in 175 parti.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica