Soggetto (linguistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il soggetto di una frase è in sintassi qualsiasi parte del discorso cui è riferito il predicato (che esprime un'azione, un modo di essere, una condizione, una qualità): se il predicato è singolare, anche il soggetto sarà singolare.

Per esempio, nella frase Io mangio la mela il pronome personale io è il soggetto perché ad esso va riferita l'azione espressa dal verbo mangio.

Il soggetto ha le seguenti proprietà:

Il soggetto esiste in quasi tutte le frasi. Per esempio: Bisogna rispettare quello che la grammatica dice. Molti lascerebbero pensare che il soggetto non esista, invece analizzando la frase si scopre che:

  • Bisogna rispettare diventa: Tutti devono rispettare quello che la grammatica dice.

Se la frase contiene un verbo impersonale (in realtà un tipo di verbi di tipo molto ridotto), il soggetto può mancare. In italiano ciò è tipico dei verbi che indicano fenomeni meteorologici:

  • Oggi nevica. Non c'è nessuno che "nevica" la neve, è un evento che succede e che per convenzione è stato descritto così dalle popolazioni che hanno fatto evolvere le lingue precedenti la nostra.

Il termine soggetto deriva dal latino subiectus[1], che significa "sottoposto, dipendente, suddito".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Soggetto in etimo.it.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica