Simbolo chimico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simboli utilizzati da John Dalton per rappresentare gli elementi chimici ("A New System of Chemical Philosophy", 1808).

Un simbolo chimico è un'abbreviazione o una rappresentazione accorciata del nome di un elemento chimico. Tutti gli elementi hanno un simbolo chimico di una (es. C, carbonio) o due (es. Li, litio) lettere; alcuni degli elementi creati artificialmente possiedono un simbolo di tre lettere (Uup, ununpentio).

Siccome i simboli chimici sono spesso derivati dal nome latino o greco, è possibile che non siano riconducibili facilmente al nome italiano. Ad esempio, il simbolo chimico del sodio è Na (in latino natrium), mentre quello del potassio è K (in latino kalium).

I simboli chimici sono elencati nella tavola periodica e si utilizzano nelle equazioni chimiche per abbrevviarne la scrittura. Esempio:

2H_2 + O_2\ \rightarrow\ 2H_2O.

Mediante il simbolo chimico è possibile indicare anche l'isotopo dell'elemento, nonché altri attributi, quali lo stato di ossidazione o di ionizzazione dello stesso. Si indicano in questo modo:

{}_Z^A\!X_N^E.

Dove A è il numero di massa o numero di nucleoni, Z è il numero atomico o numero di protoni. E indica la carica elettrica dello ione, mentre N è un indice che definisce il numero di atomi per una molecola. Infine, X è il simbolo chimico dell'elemento. Per fare un esempio, {}_2^4\!{He}^{+} identifica l'elemento elio, e ci dice che questo ione è caricato positivamente, e si tratta dell'isotopo 4. È dunque formato da 2 protoni, 2 neutroni e 1 elettrone.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia