Shalom aleikhem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando lo scrittore Yiddish, il cui nome nella tradizione italiana si pronuncia come questa voce, vedi Scholem Aleichem.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Shalom aleikhem o Shalom aleichem (Ebraico: שלום עליכם) è un tipico saluto ebraico. Il significato è "che la pace sia su di voi".

Canzone del venerdì sera[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Angelo e Dio (ebraismo).

Dopo l'entrata dello Shabbat è uso recitare un canto composto nel XVII secolo da cabbalisti di Tzfat[1].


Testo in ebraico:

שָׁלוֹם עֲלֵיכֶם מַלְאֲכֵי הַשָּׁרֵת מַלְאֲכֵי עֶלְיוֹן

מִמֶּלֶךְ מַלְכֵי הַמְּלָכִים הַקָּדוֹשׁ בָּרוּךְ הוּא

בּוֹאֲכֶם לְשָׁלוֹם מַלְאֲכֵי הַשָּׁרֵת מַלְאֲכֵי עֶלְיוֹן

מִמֶּלֶךְ מַלְכֵי הַמְּלָכִים הַקָּדוֹשׁ בָּרוּךְ הוּא

בָּרְכוּנִי לְשָׁלוֹם מַלְאֲכֵי הַשָּׁרֵת מַלְאָכִי עֶלְיוֹן

מִמֶּלֶךְ מַלְכֵי הַמְּלָכִים הַקָּדוֹשׁ בָּרוּךְ הוּא

צֵאתְכֶם לְשָׁלוֹם מַלְאֲכֵי הַשָּׁרֵת מַלְאָכִי עֶלְיוֹן

מִמֶּלֶךְ מַלְכֵי הַמְּלָכִים הַקָּדוֹשׁ בָּרוּךְ הוּא


Traslitterazione:

Shalom aleichem malachei hashareit malachei elyon,

mi-melech malchei ha-melachim haQadosh BarukhHu.

Bo'achem le-shalom malachei hashalom malachei elyon,

mi-melech malchei ha-melachim haQadosh BarukhHu.

Barchuni le-shalom malachei hashalom malachei elyon,

mi-melech malchei ha-melachim haQadosh BarukhHu.

Tzeit'chem le-shalom malachei hashalom malachei elyon,

mi-melech malchei ha-melachim haQadosh BarukhHu.


Traduzione dall'ebraico:

Pace a voi, angeli "ministri", angeli dell'Altissimo,

del Supremo Re dei re, il Santo, Benedetto Egli sia.

Venite in pace, angeli di pace, angeli dell’Altissimo,

del Supremo Re dei re, il Santo, Benedetto Egli sia.

Beneditemi con la pace, angeli di pace, angeli dell’Altissimo,

del Supremo Re dei re, il Santo, Benedetto Egli sia.

Andate in pace, angeli di pace, angeli dell’Altissimo,

del Supremo Re dei re, il Santo, Benedetto Egli sia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ne esistono due versioni scritte: cfr Siddur

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo